martedì, 21 Settembre 2021

Covid Giappone, terzo decesso dopo seconda dose vaccino Moderna

Nel mese di agosto, il governo giapponese aveva ritirato alcuni lotti di vaccino Moderna perché contaminate con 'sostanze estranee'. La vittima potrebbe aver ricevuto la seconda dose di vaccino probabilmente appartenente ai lotti in questione.

Da non perdere

Dopo la sospensione nel mese di agosto, in Giappone, di alcuni lotti di vaccino Moderna, nel Paese si registra il terzo decesso dopo la seconda somministrazione del vaccino statunitense, probabilmente appartenente ai lotti ritirati dal commercio. Si tratta di un uomo di 49 anni. Ma il rapporto causa-effetto è ancora da stabilire.

Il Ministero della Salute nipponico, che ne ha dato la notizia, ha poi spiegato che la vittima, risultata allergica alla farina di grano saraceno, è deceduta l’11 agosto, ossia il giorno dopo la somministrazione della seconda dose. Dall’autopsia effettuata sul corpo, non sono state riscontrate emorragie cerebrali o problemi cardiopatici. Non è, però, da escludere un legame causale tra il vaccino e la morte.

Si tratta del terzo decesso registrato in Giappone in seguito alla somministrazione della seconda dose di vaccino, dopo gli altri due uomini di 30 e 38 anni morti nelle scorse settimane. Per loro, le cause della morte non sono ancora state accertate.

A fine agosto, 1,63 milioni di dosi del vaccino Moderna sono state ritirate dal Governo giapponese perché contaminate con ‘sostanze estranee’. Decisione presa dopo che la società responsabile della vendita e della distribuzione del vaccino statunitense nel Paese, la Takeda, aveva ricevuto segnalazioni da “numerosi centri di immunizzazione secondo cui sostanze estranee erano state trovate nelle fiale ancora chiuse” provenienti da tre lotti diversi.

Successivamente, l’azienda farmaceutica produttrice, aveva riferito che molto probabilmente, le sostanze estranee erano di frammenti di acciaio inossidabile finiti all’interno delle fiale a causa di un errore nei processi di confezionamento. Il Ministero sta valutando l’ipotesi di prendere provvedimenti amministrativi contro Takeda, al termine delle indagini che identificheranno i responsabili della faccenda.

Ultime notizie