sabato, 25 Settembre 2021

Napoli, travolto da braccio meccanico: muore operaio 34enne

Francesco Martino, 34 anni, di Mugnano di Napoli, stava riparando un mezzo per il trasporto dei container quando il braccio meccanico si è staccato travolgendolo in pieno e uccidendolo sul colpo. Inutili i tentativi immediati si soccorrerlo.

Da non perdere

Si chiamava Francesco Martino, l’operaio 34enne, morto ieri mattina sul lavoro nel napoletano. Lavorava nella ditta Sater, in via San Giusto a Pomigliano d’Arco (Napoli), che si occupa della manutenzione di mezzi pesanti.

I Carabinieri del nucleo investigativo del gruppo di Castello di Cisterna sono arrivati sul posto per indagare sull’accaduto. Secondo una prima ricostruzione della dinamica dell’incidente, l’operaio stava riparando un mezzo per il trasporto dei container quando il braccio meccanico si è staccato travolgendolo in pieno e uccidendolo sul colpo, nonostante sia stato immediatamente soccorso. Il corpo di Martino si trova ora all’istituto di medicina legale per l’autopsia. Aperta un’inchiesta sul caso.

“Gli omicidi nei luoghi di lavoro, perché di questo si tratta, non trovano adeguate risposte da parte degli organi preposti al controllo. Basta chiacchiere: bisogna introdurre per queste fattispecie il reato di omicidio colposo. Bisogna punire in modo esemplare chi nell’organizzazione del lavoro è imprudente e poco attento alla vita e alla salute dei lavoratori”. Questo il commento del segretario generale della Fillea-Cgil di Napoli, Giovanni Passato, dopo l’accaduto.

Ultime notizie