venerdì, 24 Settembre 2021

Sequestrate t-shirt che inneggiano alla camorra, denunciato ambulante

La Guardia di Finanza invita i cittadini, anche tramite il servizio “117”, a denunciare chi si renda responsabile della messa in vendita di articoli contraffatti soprattutto se inneggianti a simboli mafiosi.

Da non perdere

La vendita di t-shirt inneggianti alla camorra, denunciata nei giorni scorsi dal quotidiano Il Mattino di Napoli non è passata inosservata, tanto che la nuova iniziativa iconografica della criminalità organizzata è stata oggetto di una interrogazione della commissione antimafia rivolta ai Ministri dell’Interno, della Giustizia e dello Sviluppo Economico.

Il Prefetto di Napoli, Marco Valentini, nell’ambito delle attività di contrasto alla mitizzazione dei simboli della camorra in città e in tutta la provincia partenopea, ha prontamente attivato il Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica e, dopo ricerche a tappeto non solo online, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale Napoli ha individuato e sequestrato 50 magliette esposte su una bancarella abusiva. Le magliette riportano in alcuni casi loghi contraffatti delle squadre di calcio di Serie A e in altri casi una decalcomania di una piovra nera che ghermisce l’Italia e la scritta “camorra”.

L’operazione si è svolta in via Roma, all’altezza del carcere di Secondigliano. Quando l’ambulante ha visto avvicinarsi la pattuglia del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Napoli si è dato alla fuga. Sarà comunque denunciato per i reati di contraffazione marchi e ricettazione, per le magliette calcistiche. Le indagini delle Fiamme Gialle proseguono per la sua identificazione e saranno finalizzate anche a individuare le filiere di produzione e distribuzione, anche online, delle t-shirt inneggianti alla camorra. La Guardia di Finanza invita i cittadini, anche tramite il servizio “117”, a denunciare chi si renda responsabile della messa in vendita di articoli contraffatti soprattutto se inneggianti a simboli mafiosi.

Ultime notizie