venerdì, 24 Settembre 2021

Legata a una sedia e torturata, arrestato il compagno 40enne

La vittima ha raccontato di un'escalation di violenza che sarebbe sfociato nell'episodio più grave: sequestro di persona e tortura, una decina di giorni fa.

Da non perdere

È stato arrestato con le accuse di sequestro di persona, tortura e maltrattamenti in famiglia un cittadino albanese di 40 anni, residente a Bolzano. L’oggetto delle violenze sarebbe la sua compagna convivente che ha raccontato di subire da mesi i maltrattamenti scatenati dalla gelosia dell’uomo.

La donna ha raccontato di un’escalation di violenza che sarebbe sfociato nell’episodio più grave: sequestro di persona e tortura, una decina di giorni fa. La vittima sarebbe stata legata ad una sedia e torturata per due ore, con un coltello puntato più volte al petto. L’arma non l’avrebbe ferita ma avrebbe lasciato comunque dei segni sulla pelle.

Fu lo stesso compagno ad accompagnarla in ospedale, ma in quella occasione lei avrebbe raccontato di essere caduta dalla bici. Da successive indagini, emerge che la donna avrebbe poi confessato agli inquirenti di essere vittima dei maltrattamenti del convivente. Ieri in tribunale l’udienza di convalida dell’arresto: il gip ha deciso che l’uomo resta in carcere. A sua difesa, il 40enne sostiene di non avere mai torturato la compagna ma che la donna sarebbe drogata e si inventerebbe tutto.

Ultime notizie