domenica, 26 Settembre 2021

Nuova udienza per Patrick Zaki

Arrestato il 7 febbraio 2020, Patrick Zaki è accusato di incitare al rovesciamento dell'amministrazione egiziana. Dovesse essere processato, secondo Amnesty International il ricercatore rischia la condanna fino a 25 anni di carcere.

Da non perdere

Si svolgerà oggi una nuova udienza per il prolungamento della custodia in carcere, al Cairo, di Patrick Zaki, lo studente egiziano iscritto all’università “Alma Mater” di Bologna detenuto in Egitto ormai da oltre un anno e mezzo, accusato di propaganda sovversiva via internet.
Hoda Nasrallah, legale di Zaki, ha confermato che assisterà oggi all’udienza, sebbene l’esito, che appare abbastanza scontato, si conoscerà soltanto domani, quando all’avvocatessa sarà notificata la probabile detenzione per altri 45 giorni.

Arrestato il 7 febbraio 2020, Patrick Zaki è accusato di incitare al rovesciamento dell’amministrazione egiziana. Dovesse essere processato, secondo Amnesty International il ricercatore rischia la condanna fino a 25 anni di carcere. A pesare su Zaki ci sono dieci post pubblicati su Facebook da un profilo che i suoi legali considerano curato da un’altra persona. Le autorità contestano la “diffusione di notizie false”, “l’incitamento alla protesta” e “l’istigazione alla violenza e ai crimini terroristici”.

Ultime notizie