martedì, 21 Settembre 2021

Usa, allarme bomba a Capitol Hill: dopo 5 ore si arrende attentatore

Si arrende dopo 5 ore di negoziato con le Forze di Sicurezza il presunto attentatore di Capital Hill, minacciando di far esplodere la propria auto con propano.

Da non perdere

Dopo un negoziato durato oltre 5 ore con le Forze dell’Ordine e l’ordine di evacuare gli edifici limitrofi per sospetto allarme bomba, il presunto attentatore Floyd Ray Roseberry si è finalmente arreso.

Secondo il New York Times l’uomo, 49 anni, originario del North Carolina, già noto per aver esternato in alcuni video live sul proprio profilo Facebook la sua volontà di affrontare il Presidente Joe Biden, questa volta si sarebbe recato col suo pick up nei pressi della Library of Congress a Capital Hill, minacciando di avere una bomba nel veicolo.

“Pensavi che il sud non sarebbe arrivato. Bene, il momento di Joe Biden è arrivato. Le strade sono bloccate e sto aspettando la tua chiamata”; “Vieni qui e parla con me Joe, l’America è stanca”. Queste le dichiarazioni espresse sul noto social network, che ha prontamente disattivato il profilo dell’utente e cancellato il live video.

Gli agenti, dopo la resa pacifica dell’attentatore, non sono stati in grado di rinvenire alcun esplosivo a bordo dell’auto. Stando alle fonti (Msnbc) l’uomo avrebbe agito senza complici e la sua casa sarebbe stata perquisita dalle forze di sicurezza. Ricordiamo che Rosberry già nel 2016 aveva affermato in diretta live su Facebook che “la rivoluzione è iniziata”, auspicando attualmente nelle dimissioni del presidente Joe Biden.

Ultime notizie