domenica, 26 Settembre 2021

Versamenti delle imprese: prorogate le scadenze al 15 settembre

Questo nuovo calendario vede prorogate anche le scadenze successive, sulle quali saranno dovuti gli interessi al tasso del 4% annuo a decorrere dal 16 settembre.

Da non perdere

Buone notizie dall’Agenzia delle Entrate, è stato infatti redatto un il nuovo calendario dei pagamenti che si sarebbero dovuti effettuare tra il 30 giugno e il 31 agosto, ora posticipati ora al 15 settembre. I versamenti delle imprese, ovvero Irap e Iva, potranno essere pagati con più calma secondo l’articolo 9-ter del Decreto Sostegni bis, inserito dalla legge di conversione 106/2021.

In particolare, possono usufruire di questa proroga i soggetti che esercitano attività economiche a cui si applicano gli Indici sintetici di affidabilità fiscale (Isa) e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun indice dal decreto di approvazione del Ministro dell’economia e delle finanze.

In aggiunta, è previsto il pagamento differito anche per i tutti coloro che, per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020, hanno applicato il regime forfettario agevolato, il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, oltre che per i soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese e a coloro che determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfettari o che ricadono nelle altre cause di esclusione dagli Isa.

Questo nuovo calendario, vedrà prorogate anche le scadenze successive, sulle quali saranno dovuti gli interessi al tasso del 4% annuo a decorrere dal 16 settembre. Chi si era portato avanti e aveva già versato la prima rata rispettando i termini ordinari, può invece proseguire i versamenti secondo le scadenze previste dal piano di rateazione originario. C’è da aggiungere che se entro il 15 settembre si effettuano più versamenti con scadenze ed importi a libera scelta, senza rispettare un piano di rateazione, sarà poi possibile versare la differenza dovuta a saldo in un’unica soluzione entro il 15 settembre 2021.

 

Ultime notizie