domenica, 26 Settembre 2021

Green Pass, firmato il nuovo Decreto: obbligo da settembre per trasporti e scuola

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo Decreto legge sul Green Pass che stabilisce tempi e modalità dell'introduzione dell'obbligo della certificazione verde a partire da settembre, confermando tutte le direttive della Cabina di Regia.

Da non perdere

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo Decreto legge sul Green Pass, un provvedimento che stabilisce tempi e modalità dell’introduzione dell’obbligo della certificazione verde a partire da settembre nei trasporti e nella scuola, confermando tutte le decisioni della Cabina di Regia.

Intanto scatta domani, venerdì 6 agosto 2021, l’obbligo del Green pass in Italia per l’accesso ad alcuni servizi: ristorazione al tavolo, al chiuso; spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportive; musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre; piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso; sagre e fiere, convegni e congressi; centri termali, parchi tematici e di divertimento; centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione; attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò; concorsi pubblici.

SCUOLA E UNIVERSITÀ

Da settembre l’obbligo del Green Pass si estende a tutto il personale della scuola e dell’università, “al fine di garantire la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione in presenza del servizio essenziale d’istruzione. Il mancato rispetto delle disposizioni è considerata assenza ingiustificata e, a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato”. Esclusi dall’obbligo gli studenti minorenni.

TEST ANTICOVID

Scartata l’ipotesi della gratuità dei test anti-Covid, perché avrebbe potuto non incentivare i più giovani a immunizzarsi, ma è stato raggiunto un accordo per un prezzo calmierato per rafforzare le misure di prevenzione del contagio Covid. Il test avrà un costo di 8 euro per i giovani fra i 12 e i 18 anni e di 15 euro per gli over18.

TRASPORTI

Dal 1° settembre sarà obbligatorio su navi e traghetti interregionali ad esclusione dello Stretto di Messina, sui treni di tipo Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità, sugli autobus che collegano più di due Regioni. Obbligo di certificazione verde anche per gli autobus adibiti a servizio di noleggio con conducente, ad eccezione di quelli aggiuntivi al servizio pubblico locale e regionale. L’obbligo non si applica per i soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale e per i soggetti esentati dal vaccino con certificazione medica. Si applica sia nel trasporto pubblico locale che in quello a lunga percorrenza, in zona bianca e gialla. Previsto, l’aumento della capienza dei trasporti a lunga percorrenza, a cominciare dai treni dal 50% all’80% dei posti disponibili.

TURISMO

Per i clienti degli alberghi che vogliono accedere ai ristoranti e ai bar al chiuso nelle strutture non ci sarà invece l’obbligo del green pass. I giorni obbligatori di quarantena per i vaccinati (con due dosi) positivi al Covid 19 dovrebbero scendere da dieci a sette. E’ quanto sarebbe emerso durante la cabina di regia governativa che sta valutando le nuove misure che dovrà varare il Consiglio dei ministri del pomeriggio. Restano dieci i giorni di quarantena per i non vaccinati.

SCUOLA

Durante la Conferenza Unificata, Regioni ed enti locali hanno espresso parere favorevole al Piano scuola del ministro Patrizio Bianchi che definisce l’organizzazione della didattica per settembre.

LAVORO

Le misure per i lavoratori non sono contenute nel decreto; potrebbero essere materia di un altro decreto più avanti.

QUARANTENA

Sarà ridotta a 7 giorni la quarantena per i “positivi vaccinati”, i quali saranno sottoposti a tampone alla fine del periodo. Resta fissato, invece, a 10 giorni l’isolamento per i positivi non vaccinati. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, alle Regioni italiane. La decisione sarebbe condivisa anche dal Comitato Tecnico Scientifico, che così si è espresso nell’ultimo parere.

IL CASO REITHERA

“Ai cittadini che hanno ricevuto  il vaccino ReiThera (una o due dosi) nell’ambito della  sperimentazione”, “nelle more della definizione, con  particolare riguardo a coloro che hanno ricevuto una sola dose, delle  indicazioni relative alla loro vaccinazione con uno dei vaccini  approvati da Ema, potrà essere rilasciato un certificato di esenzione temporanea alla vaccinazione anti Covid-19, in formato cartaceo o  digitale”. Lo prevede una circolare del ministero della Salute, emanata dopo indicazione del Comitato tecnico scientifico per  l’emergenza coronavirus.

Ultime notizie