sabato, 27 Novembre 2021

Stupro di gruppo su una 16enne: arrestati due 20enni altri 3 indagati

Cinque gli indagati, due giovani in manette, per gli altri tre è scattato l’obbligo di dimora. Le indagini avviate dopo che la ragazza si è recata al pronto soccorso temendo di essere rimasta incinta.

Da non perdere

Una violenza di gruppo su una sedicenne, questa la denuncia di una minorenne, che invitata ad una festa, convinta di trascorrere una normalissima serata all’insegna del divertimento e della spensieratezza, si è ritrovata in un incubo. È il 1° giugno quando si reca insieme alla madre al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Cremona, spaventata di essere rimasta incinta, ma che da lì a poco inizia a raccontare i dettagli agghiaccianti della serata.

Non si sa se la notte del 18 maggio abbia assunto o sia stata costretta ad assumere alcolici o sostanze stupefacenti, ma racconta di essere rimasta vittima di uno stupro di gruppo senza la possibilità di difendersi. Gli accusati hanno tutti età compresa tra i 20 e i 23 anni, residenti nel mantovano tra Suzzara, luogo della festa, Gonzaga e Pegognaga.

Nel corso dell’audizione la 16enne ha anche spiegato di aver confessato ad un amico quanto le era accaduto. Il giovane, che in parte conosce il gruppo di ragazzi mantovani, è stato sentito dagli investigatori e ha fornito ulteriori dettagli utili agli accertamenti. Mettendo insieme gli elementi esposti dalla ragazza durante un’audizione protetta con una psicologa, e da altri due giovani presenti quella notte, estranei alla vicenda, i poliziotti sono riusciti a ricostruire il luogo e il contesto del racconto.

Una volta verificata l’attendibilità delle testimonianze, nella mattinata del 2 luglio gli agenti hanno avviato le perquisizioni a carico degli indagati, individuando precisamente il posto dello stupro e sequestrato i cellulari, insieme ad altri dispositivi elettronici. La Gip del Tribunale di Mantova, Beatrice Bergamasco, ha emesso le misure nei confronti dei cinque giovani, due sono stati arrestati e condotti al carcere di Mantova, mentre per gli altri tre del gruppo è stato emesso l’obbligo di dimora.

Ultime notizie