giovedì, 16 Settembre 2021

Vaccino Pfizer perde efficacia nel tempo: lo studio che getta nuove ombre sulla lotta al covid

Dallo studio condotto tra luglio 2020 e marzo 2021 emerge che a sei mesi di distanza dalla seconda l'efficacia del vaccino scende dal 96 alll'83,7%.

Da non perdere

Brutte, bruttissime notizie, nella dura lotta contro il coronavirus. Secondo i risultati di uno studio ancora in attesa di validazione, l’efficacia del vaccino Pfizer-BioNtech nella prevenzione del contagio cala dal 96 alll’83,7% a sei mesi di distanza dalla seconda dose.

I risultati dello studi si devono a oltre 40mila volontari che in 6 Paesi hanno alla sperimentazione clinica che Pfizer e BioNTech avviato a luglio 2020 e terminata a marzo. Analoghe conclusioni arrivano anche da Israele, come abbiamo scritto nei giorni scorsi. sebbene in quel caso si parli di variante Delta, attualmente la più temuta in circolazione, con l’efficacia crollata al 64%.

C’è da dire che lo studio delle due case farmaceutiche è stato portato avanti quando la variante Delta non era così tanto diffusa come in questo periodo. Da tempo circola ormai l’ipotesi di una terza dose da somministrare, ma su questo non c’è ancora uniformità di pensiero. Pfizer stessa ha condiviso i risultati della sperimentazione sulla terza dose del suo vaccino originale contro la variante Delta; il livello di anticorpi è aumentato di 5 volte nella fascia di età 18-55i e di ben 11 volte nei 65-85.

Ma se per la Food and Drug Administration gli americani completamente vaccinati non  ne hanno bisogno, per l’EMA “è troppo presto per confermare se e quando sarà necessaria una dose di richiamo per i vaccini Covid-19, perché non ci sono ancora abbastanza dati dalle campagne di immunizzazione e dagli studi in corso per capire quanto durerà la protezione dai vaccini”. Come già successo in passato, dunque, si procede in ordine sparso.

La Turchia ha già avviato la somministrazione della terza dose del cinese Sinovac o Pfizer, Indonesia e Thailandia hanno deciso l’inoculazione della terza dose di Moderna e Pfizer ad alcune persone vaccinate con CoronaVac.

Ultime notizie