martedì, 21 Settembre 2021

Giornata mondiale della tigre, la specie siberiana rischia l’estinzione

La giornata mondiale della tigre porta una preoccupazione: il rischio per il grande felino dell'Amur.

Da non perdere

Nella giornata mondiale della tigre l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura sostiene che il felino siberiano sopravviverà “se lo faranno anche le foreste boreali di conifere al di sotto del circolo polare artico in cui vive”. L’allarme deriva dal fatto che nel 2020, secondo Global Forest Watch, la Russia ha perso 5,44 milioni di ettari di copertura forestale. Mentre restano circa 550 esemplari di tigre dell’Amur, in Russia, al confine con Mongolia, Cina, Corea del Nord e mar del Giappone.

Cesare Avesani Zaborra, direttore scientifico del Parco Natura Viva di Bussolengo, dichiara che: “Tra le cause maggiori di scomparsa delle foreste russe, soprattutto nella zona dell’Amur, c’è sicuramente il traffico illegale di legname”. Così, ammonisce Zaborra, “si toglie cibo e riparo non solo alle tigri dell’Amur, ma a tutta la fauna selvatica che dipende da uno dei biomi più importanti della Terra”. E infine lancia un appello: “Per salvare l’animale bisognerebbe cercare “la certificazione di tracciabilità nei nostri acquisti quotidiani: che si tratti di carta, mobili o manufatti derivati dal legno, le nostre scelte possono determinare il futuro delle tigri dell’Amur”.

Ultime notizie