lunedì, 25 Ottobre 2021

Green Pass, tutte le ipotesi sul tavolo del Governo. Ricciardi: “Vita normale per i vaccinati”

Da non perdere

“Questo mese va vissuto con razionalità ed equilibrio. Le vacanze si possono fare e si può condurre una vita normale se si è vaccinati”. Queste le parole di Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute Roberto Speranza e direttore scientifico di Ics Maugeri, intervenuto durante l’evento di approfondimento su ricerca e innovazione, in ricorrenza della ‘Giornata del ricercatore’. Parole arrivate nelle stesse ore dell’allerta lanciato dalla Farnesina.

Secondo Ricciardi è fondamentale “organizzare la società in maniera razionale”, quindi permettere a “tutti di frequentare i luoghi pubblici dove ci si assembra ai soggetti immuni, quindi protetti dalla vaccinazione, o che hanno avuto il Covid o negativi”.

Il consigliere scientifico ha ribadito che “il vaccino protegge contro la malattia grave, contro l’ospedalizzazione, contro l’ingresso in terapia intensiva, e rappresenta lo strumento principale per avere una vita normale”. Bisogna pur sempre avere alta la guardia, perché la variante Delta può sempre infettare i soggetti vaccinati”.

Nelle prossime ore si discuterà la possibilità di estendere il green pass a tutti i servizi giornalieri, sul modello francese contestato anche in patria. Dai ristoranti, ai trasporti, agli stadi e così via, questa l’idea, che si scontra però con la destra di Salvini, secondo cui “per i giovani il vaccino non serve”.

Il certificato verde dovrebbe entrare in vigore a partire da agosto, ma contemporaneamente non si vuole escludere i non vaccinati dai servizi primari, vi è quindi la possibilità di un doppio green pass. Uno per agosto, con regole che riguarderanno eventi e ristoranti al chiuso, e un altro per settembre, con limiti per ogni tipo di trasporto a chi non è vaccinato, dando così la possibilità agli ultimi di prenotare il vaccino e “adeguarsi”.

Si pensa però a soluzioni che possano riunire una maggioranza già divisa sul fronte lavoro, cioè pensare di chiedere il Green Pass a chi vuole ordinare seduto ed anche al chiuso, per i trasporti pubblici locali, con l’obbligo che andrebbe imposto da settembre.

Quanto agli eventi, si pensa ad appuntamenti senza limiti di spettatori soltanto se tutti avranno il Green Pass e la mascherina. Gli stadi potranno essere riempiti per il 25%: più di 2mila persone al chiuso mentre all’aperto 5mila. Pensando a settembre, alla ripartenza scolastica, il Governo aspetterà 10 giorni prima di decidere se imporre l’obbligo di vaccinazione per il personale scolastico. Attualmente l’85% dei dipendenti ha ricevuto almeno una dose, ma si punta al 93-94%.

Ultime notizie