domenica, 1 Agosto 2021

Covid, l’Italia verso la quarta ondata e il ripristino della zona gialla

Entro questa settimana dovrebbero arrivare i cambiamenti sulle restrizione per fronteggiare la nuova ondata di coronavirus. Oggi, si terrà la riunione con le Regioni e domani la cabina di regia e il Consiglio dei Ministri.

Da non perdere

Entro questa settimana dovrebbero arrivare i cambiamenti sulle restrizione per fronteggiare la nuova ondata di coronavirus. Oggi, si terrà la riunione con le Regioni e domani la cabina di regia e il Consiglio dei Ministri.

Si discuterà dell’ipotesi di introdurre il green pass obbligatorio in tutti i luoghi di assembramento e dei nuovi colori delle regioni a seconda dei ricoveri nelle terapie intensive. Intanto i contagi ieri sono scesi ma è salito l’indice di contagiosità.

Siamo a fine luglio e l’Italia sta entrando nella quarta ondata. Lo dimostrano i dati: l’incidenza dei casi è risalita, soprattutto in Sardegna e in Sicilia dove, addirittura, due medici vaccinati dell’hub di Palermo sono risultati positivi al Covid-19. Mantenendo l’andamento attuale, anche Veneto, Lazio e Campania rischiano la zona gialla.

I nuovi parametri per il cambio di fascia, oltre all’incidenza, dovrebbero riguardare l’occupazione delle terapie intensive superiore al 5% e del 10% nei reparti ordinari.

Sono 2072 i nuovi casi, leggermente in calo come sempre dopo il weekend, anche a causa del minor numero di tamponi processati, ma con un tasso di positività che sale al 2,3%. Sette i decessi nelle ultime 24h.

La vaccinazione diventa sempre di più l’unico strumento per contrastare l’avanzata del virus anche nel caso della variante Delta. In vista della ripresa a settembre, nel nostro Paese, si discute sull’obbligatorietà dei vaccini anche nelle scuole. Altro tema che separa la maggioranza e sul quale si cercherà una mediazione già a partire da domani nel Consiglio dei Ministri.

Metà degli Italiani over12 sono stati vaccinati con entrambe le dosi. Un traguardo fondamentale perché, secondo il report del Governo, i cittadini immunizzati sono 27milioni 311mila e 228, pari al 50,7% della popolazione con più di 12 anni.

Ma l’obbligo del vaccino, finora somministrato ad un italiano su due, continua a dividere le forze politiche soprattutto per quanto riguarda il personale scolastico. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha spiegato: “ci troveremo questa settimana con il Consiglio dei Ministri e la decisione sull’obbligo vaccinale o meno per gli insegnanti andrà presa dall’intero collegio”.

Ultime notizie