lunedì, 25 Ottobre 2021

Covid, in Gran Bretagna è freedomday. Johnson: “Prudenza e rispetto per gli altri”

"Senza alcun dubbio la massiccia campagna vaccinale ha decisamente indebolito il legame fra contagio e ricovero", così il premier Johnson.

Da non perdere

Oggi la Gran Bretagna azzarda con riaperture totali, non ci son più restrizioni di nessun tipo, parliamo dell’ormai noto freedomday. Nonostante l’incremento dei contagi che il Paese ha subito, da oggi non è più obbligatorio indossare mascherine nei negozi e sui mezzi pubblici.

Non ci sono più limiti per assembramenti di persone, non è neanche più necessario lavorare da remoto. Boris Johnson, con un video pubblicato su sul account di Twitter, ha invitato tutti i cittadini “a procedere in questa nuova fase con tutta la giusta prudenza e il rispetto per gli altri”.

“Senza alcun dubbio – ha spiegato – la massiccia campagna vaccinale ha decisamente indebolito il legame fra contagio e ricovero, e fra contagio e casi gravi e morte. Questa è la cosa più importante”.

Attualmente, però, Johnson è in quarantena e ci resterà fino al 26 luglio nella sua residenza estiva di Chequers. Quando il Primo Ministro ha ricevuto la segnalazione tramite app, del contatto con un soggetto positivo, non voleva isolarsi. Successivamente, dato il contatto con il ministro della Salute Savid Javid positivo al covid, anche Rishi Sunak, il Cancelliere dello Scacchiere è costretto all’isolamento.

Ultime notizie