mercoledì, 20 Ottobre 2021

Sardegna, morto sub a Cala Luna: autopsia stabilirà le cause

L'analisi del corpo verrà effettuata tra tra lunedì e martedì e stabilirà le cause del decesso, se si è trattato di un malore o anomalia.

Da non perdere

Ieri sera è stato recuperato il corpo di Paolo Sedda dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco, e l’autopsia accerterà le cause della sua morte.

Il poliziotto di 48 anni è morto giovedì mattina, durante un’immersione in una grotta di Cala Luna a Dorgali: era partito con un istruttore ed altri sub esperti; durante la risalita si sono perse le tracce e sono iniziate le ricerche, conclusesi ieri con il ritrovamento del corpo a 16 metri giù il livello del mare e lontano 120 dalla grotta.

L’analisi del corpo verrà effettuata tra tra lunedì e martedì dal medico legale Nicola Legnini, incaricato dal Pm Gulatiero Battisti: l’esame potrà stabilire se la morte è stata causata da un malore, dalla perdita di orientamento o di un eventuale anomalia alle attrezzature.

Dalle indagini è emersa l’importanza della tenuta del “filo d’Arianna”, il quale aiuta gli uomini che si immergono a seguire il percorso nella grotta. Questa procedura pare essere obbligatoria nelle immersioni all’interno delle grotte, per questo la Procura vorrebbe, nei giorni successivi, verificarne la sua presenza ed efficienza.

Ultime notizie