giovedì, 2 Dicembre 2021

False prescrizioni, due arresti per truffa ad Asl: oltre 58mila euro di rimborsi indebiti

Emessa una misura interdittiva dall'esercizio dell'attività per un anno nei confronti di due medici convenzionati con la Asl Napoli 1 Centro.

Da non perdere

Prescrizioni fittizie di costosi esami di laboratorio intestati a pazienti all’oscuro di tutto, uno stratagemma per poter ottenere rimborsi indebiti da parte del servizio sanitario regionale. Queste le motivazioni che hanno allertato la Guardia di Finanza di Napoli, tramite una denuncia presentata dalla stessa Asl, ad indagare sull’inchiesta che ha portato agli arresti domiciliari rappresentanti legali di due centri diagnostici. Emessa anche una misura interdittiva dall’esercizio dell’attività per un anno nei confronti di due medici convenzionati con la Asl Napoli 1 Centro.

Gli agenti hanno ascoltato oltre cento pazienti che hanno disconosciuto le prescrizioni a loro nome, e in numerosi casi, hanno addirittura affermato di non essere mai andati in quei centri dignostici. La truffa ha consentito ai due laboratori di analisi di poter richiedere, e soprattutto ottenere, un indebito rimborso di oltre 58mila euro, motivo per il quale la Guardia di Finanza ha potuto procedere a sequestri per il valore equivalente a carico degli indagati.

Ultime notizie