lunedì, 2 Agosto 2021

Patrick Zaki, l’Egitto rinnova la detenzione preventiva: altri 45 giorni in carcere

Lo studente dovrà scontare altri 45 giorni in carcere. Lo conferma Lobna Darwish, rappresentante dell' ONG egiziana per i diritti personali EIPR.

Da non perdere

Patrick Zaki dovrà scontare altri 45 giorni nel carcere di Tora al Il Cairo. Dopo l’udienza svoltasi ieri, ne dà conferma Lobna Darwish, una rappresentante dell’Ong EIPR, l’Iniziativa egiziana per i diritti personali, per la quale lo studente egiziano era ricercatore.

Il precedente rinnovo della detenzione era avvenuto il 1 giugno, costringendo Zaki a trascorrere il compleanno, i suoi 30 anni, in carcere, avvenuto il 16 giugno.

Secondo Amnesty International, lo studente egiziano rischia fino a 25 anni di carcere, questo perché anche se la legge egiziana prevede che la custodia cautelare possa durare massimo due anni, in realtà la stessa può anche essere prolungata qualora emergano nuove contestazioni.

Sembrano quindi inutili gli appelli della società civile italiana, del mondo accademico, in primis dell’Università di Bologna dove Zaki studiava, e l’iniziativa del Parlamento italiano che pochi giorni fa ha approvato la mozione della Camera che impegna il Governo ad attivarsi per concedere la cittadinanza allo studente.

Ultime notizie