domenica, 17 Ottobre 2021

Caso Palamara, la difesa chiede l’assoluzione: “I fatti non sussistono”

L'avvocato difensore di Palamara, Benedetto Buratti, ha dichiarato: "Siamo convinti dell'inutilità di un approfondimento dibattimentale".

Da non perdere

Chiesta dalla difesa l’assoluzione dell’ex magistrato romano Luca Palamara, nel corso dell’udienza preliminare che coinvolge anche l’ex sostituto procuratore di Roma, Stefano Rocco Fava. Sono entrambi accusati, a vario titolo, di concorso in rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio, accesso abusivo al sistema informatico e abuso d’ufficio.

L’avvocato difensore di Palamara, Benedetto Buratti, ha dichiarato: “Abbiamo chiesto l’assoluzione perché i fatti non sussistono, convinti dell’inutilità di un approfondimento dibattimentale”; per Palamara e per Fava, invece, la procura di Perugia ha chiesto il rinvio a giudizio. L’udienza preliminare è stata rinviata al 21 luglio prossimo.

Ultime notizie