mercoledì, 4 Agosto 2021

Covid Inghilterra, i medici chiedono a Johnson di fermare le riaperture: “Pericoloso, illogico e anti etico”

La scelta di eliminare la quarantena cautelare, per residenti nel Regno Unito con entrambe le dosi del vaccino, non è vista di buon occhio da parte di 122 medici e scienziati che hanno formulato un appello pubblicato da "Lancet"

Da non perdere

In Inghilterra il ministro dei Trasporti Grant Shapps, ha annunciato formalmente alla Camera dei Comuni che non ci sarà nessuna quarantena cautelare a partire dal 19 luglio. Un alleggerimento per i residenti nel Regno Unito a cui sono state somministrate entrambe le dosi del vaccino, permettendo ai viaggiatori di spostarsi negli oltre 100 Paesi inclusi nella lista gialla, un elenco stilato in base al grado di emergenza sanitaria, in cui anche l’Italia.
Aria di festa per British Airways, Easy Jet e simili, un po’ meno per i 122 medici e scienziati mondiali che hanno formulato una richiesta scritta, pubblicata da Lancet, in cui si chiede di posticipare le riaperture. Secondo gli esperti sono “pericolose e premature”, con un grado di rischio alto nell’incorrere in milioni di infezioni, suscitando nei pazienti problemi cronici e disabilità legata al “Long Covid”.
Il disappunto verso un esperimento definito “Pericoloso, illogico e anti etico”, basato su cinque punti: “La trasmissione non attenuata del virus colpirà in modo sproporzionato i bambini e i giovani non vaccinati che hanno già sofferto molto” e che di conseguenza “Gli alti tassi di trasmissione nelle scuole e nei bambini porteranno a significative interruzioni dell’istruzione”.
Inoltre, proseguono gli esperti, “Poiché le comunità svantaggiate sono più esposte e più a rischio di Covid-19, queste politiche continueranno a influenzare in modo sproporzionato le disuguaglianze più vulnerabili ed emarginate”. In virtù di questi “gravi rischi”, nella lettera si richiede un ritardo verso la completa riapertura “Fino a quando a tutti, compresi gli adolescenti, non sarà stata offerta la vaccinazione” e che “adotti misure urgenti per proteggere i cittadini, bambini compresi”.
“Ciò garantirà che tutti siano protetti e renderà molto meno probabile che avremo bisogno di ulteriori restrizioni o blocchi in autunno”, terminano i medici.

Ultime notizie