lunedì, 25 Ottobre 2021

Tokyo2020, Serbia sconfitta in casa: gli Azzurri del basket ai Giochi dopo 17 anni di assenza

La Nazionale batte la Serbia per 102-95 e stacca il pass per le Olimpiadi di Tokyo. Il ct Sacchetti: "Ragazzi fantastici, buoni giocatori e ottimi giocatori. Con una squadra così l'allenatore diventa più bravo"

Da non perdere

Dopo 17 anni di assenza, la Nazionale di basket è alle Olimpiadi di Tokyo con il ct Sacchetti. Nella finale del torneo preolimpico, a Belgrado, l’Italia ha battuto la Serbia 102-95 e si troverà, ora, a giocare con Australia, Nigeria e Germania nel torneo a cinque cerchi in programma dal 25 luglio al 7 agosto.

Sono 12 le partecipazioni collezionate dall’Italia ai Giochi Olimpici: 1936 (7° posto), 1948 (17° posto), 1960 (4° posto), 1964 (5° posto), 1968 (8° posto), 1972 (4° posto), 1976 (5° posto), 1980 (Argento), 1984 (5° posto), 2000 (5° posto), 2004 (Argento).

“Una partita straordinaria, che rimarrà nella storia perché vincere in casa della Serbia è sempre un’impresa, indipendentemente dalle assenze delle due squadre” ha detto il presidente federale Gianni Petrucci. “Una vittoria fantastica, merito di Meo Sacchetti e del suo staff. Ringrazio tutto il mondo del basket che ci è sempre stato vicino. La pallacanestro italiana meritava una gioia così grande”.

“Ragazzi fantastici, buoni giocatori e ottimi giocatori. Con una squadra così l’allenatore diventa più bravo”, sono state le parole del ct Sacchetti.

Il cestista Polonare ha detto: “Siamo contentissimi perché abbiamo fatto un’impresa dopo 17 anni. Abbiamo fatto una gran partita di squadra, tutti quanti. Avevamo una gran voglia di vincere. Ci godiamo questa sera e da domani già pensiamo a Tokyo”.

Il capitano Nic Melli descrive “una gioia incredibile, troppo grossa. Ho detto a Nico (Mannion) che non sa quello che abbiamo fatto. Andare all’Olimpiade non succede sempre. Ce lo siamo detti prima della partita, la nostra carriera poteva cambiare con questa partita, ed è cambiata. Perché andare all’Olimpiade è qualcosa di unico. Ora ce la godiamo, è troppo bello. Sono contento per i miei compagni, tutti sono stati bravissimi a dare il loro mattoncino”.

 

 

Ultime notizie