sabato, 31 Luglio 2021

Il Belpaese e gli stereotipi, una storia infinita: test di concorso associa Napoli ai furti

Non è la prima volta. Dai tempi dell'emigrazione di massa, gli italiani hanno sempre subito critiche e sfottò, a volte simpatici, altre meno, a volte meritati, altre no.

Da non perdere

“I …. when I was in Naple”: era questa la frase da completare nella prova preselettiva di inglese del concorso per il personale italiano della dogana, per indicare che un soggetto era stato vittima di un furto nella città partenopea.

Non è la prima volta. Dai tempi dell’emigrazione di massa, gli italiani hanno sempre subito critiche e sfottò, a volte simpatici, altre meno, a volte meritati, altre no. Senza andare troppo lontano, la notizia strizza l’occhio alla campagna pubblicitaria, quanto meno offensiva, lanciata un paio di mesi fa dall’Università di Lovanio, in Belgio, che per sponsorizzare un corso di lingua italiana recitava: “Non ordinerai più ‘ndrangheta per dessert.

I cliché sono qualcosa a cui ormai noi italiani abbiamo fatto il callo: “Pizza, spaghetti e mandolino”, tra tutti. L’Italia, però, è tanto altro, come hanno tenuto a precisare in una nota, a nome dell’intera Giunta comunale di Napoli, l’assessora alle Pari Opportunità Francesca Menna e l’assessore al Turismo e Cultura Annamaria Palmieri: “Un Paese che voglia davvero dirsi europeo, non si può consentire superficialità politicamente scorrette ed ispirate a pregiudizi vergognosi e razzisti come quelli rivelati dal quesito presente nella prova preselettiva di inglese del concorso per il personale della dogana”.
Nell’esercizio in questione si chiedeva come formulare la denuncia di furto del portafoglio trovandosi, guarda caso, a Napoli. “Un’offesa gratuita” hanno aggiunto i due membri della giunta de Magistris, “alla città e alla cultura, visto anche il grossolano errore ortografico che sostituisce Naples con Naple. L’Amministrazione auspica che qualcuno voglia scusarsi con i napoletani per questa grave caduta di stile che è ancor più seria se si considera che il concorso è rivolto a personale della dogana, che di certo dovrebbe essere immune da simili pregiudizi”.

Ultime notizie