mercoledì, 4 Agosto 2021

Cipro, l’incendio a Troodos non si ferma: 4 morti villaggi evacuati

Nicosia ha chiesto aiuto all'Unione Europea e a Israele. La zona più colpita dagli incendi è la parte meridionale della foresta di Troodos.

Da non perdere

È da ieri che la parte meridionale di Cipro brucia. Anche quest’anno gli incendi non si fermano, anzi, infuriano senza sosta. Nicosia ha chiesto aiuto all’Unione Europea e a Israele.

L’incendio si è verificato intorno alle 14, vicino al villaggio di Arakapas, a circa 35 chilometri a nord-est della città portuale di Limassol. Le autorità hanno affermato di aver evacuato almeno cinque villaggi a nord-est di Limassol e di averne allertato almeno altri quattro. Proprio nella giornata di ieri, sono stati evacuati 10 villaggi nei distretti di Arakapas e Larnaca, situati a nord della città portuale di Limassol.

La zona più colpita dagli incendi è dunque la parte meridionale della foresta di Troodos. Secondo quanto dichiarato alla televisione di stato Cybc da un portavoce dei Vigili del fuoco le fiamme sono state alimentate da forti venti e si sono diffuse su un fronte di diversi chilometri in zone montuose difficili da raggiungere.

Diverse le vittime morte a causa dell’incendio, si tratta di 4 persone i cui corpi carbonizzati sono stati trovati vicino al villaggio di Odos, nel distretto di Larnaca. Il Ministro dell’Interno, Nicos Nouris ha affermato che potrebbe trattarsi di quattro cittadini egiziani dispersi da ieri.

L’incendio non si è placato, la Grecia ha già inviato due Canadair e altri due aerei antincendio sarebbero attesi dall’Italia. L’obiettivo è quello di domare il maxi-rogo.

Ultime notizie