sabato, 16 Ottobre 2021

Torture, traffico di droga e rapine: condannati da 3 a 12 anni i Carabinieri della Caserma Levante

Sono stati condannati i 5 carabinieri della Caserma Levante di Piacenza per le torture, le violenze, i traffici di droga, le estorsioni e rapine. Pene dai 3 ai 12 anni

Da non perdere

Sono 5 i carabinieri della caserma Levante di Piacenza, a processo con rito abbreviato (garantisce la riduzione di un terzo della pena) per le violenze, le torture, i traffici di droga, le estorsioni e le rapine che hanno fatto perdere fiducia nell’Arma. Le condanne vanno dai 12 ai 3 anni e 4 mesi. A svolgere le indagini sono stati i sostituti procuratori Matteo Centini e Antonio Colonna coordinati dal procuratore Grazia Pradella le cui richieste sono state accolte dal gup Fiammetta Modica.

La pena maggiore è di 12 anni ed il destinatario è Giuseppe Montella, la persona che secondo l’accusa ha avuto il ruolo principale nei numerosi episodi avvenuti nella caserma. Inizialmente la Procura aveva chiesto 16 anni e 10 mesi. Un altra pena è destinata a Salvatore Cappellano condannato ad 8 anni con una richiesta iniziale di 14 anni, 5 mesi e 10 giorni; 6 anni (13 la richiesta di pena) per Giacomo Falanga, 4 anni per il collega Marco Orlando, all’epoca comandante della stazione di via Caccialupo. La pena più bassa l’ha ottenuta Daniele Spagnolo ed è della durata di 3 anni e 4 mesi (richiesta iniziale 7 anni e 8 mesi).

Vi è anche un sesto carabiniere che ha scelto di proseguire il processo con il rito immediato mentre i complici di questi ultimi, tra cui spacciatori, hanno patteggiato. Ancora aperte sono le indagini su eventuali omissioni da parte della catena di comando dei Carabinieri.

Ultime notizie