sabato, 31 Luglio 2021

Genova, proseguono le indagini per la bimba soffocata con sacchetto di plastica: è ancora in coma al Gaslini

Ancora in coma la bimba trovata con un sacchetto di plastica intorno alla testa. Domani decisione sulla sospensione della responsabilità genitoriale.

Da non perdere

È ancora in coma la bimba di 5 anni trovata nel suo lettino, con un sacchetto di plastica intorno alla testa che le impediva di respirare.

La bimba, che viveva nel campo nomadi di Piandanna, in una zona periferica di Sassari, ora si trova all’Ospedale pediatrico Gaslini di Genova, centro d’eccellenza a livello nazionale per la cura dei giovani pazienti che hanno subito gravi danni a livello neurologico.

La bambina aveva ricevuto i primi soccorsi nel reparto di Rianimazione del Santissima Annunziata di Sassari, ma a causa della gravità della situazione era poi stata trasferita nel capoluogo ligure con un volo speciale dell’Aeronautica militare attivato dalla Prefettura sassarese.

Secondo le prime indagini svolte dai carabinieri del Nas di Sassari su delega del Pm Paolo Piras, il tragico evento potrebbe essere stato scaturito da un gioco tra la bambina e uno dei fratellini, avvenuto mentre la madre dei due si era allontanata per pochi minuti.

Nel frattempo, domani il Presidente del Tribunale dei minorenni di Sassari, Guido Vecchione, deciderà se accettare o meno la richiesta di sospensione della responsabilità genitoriale alla madre e al padre della piccola, avanzata dalla Procuratrice minorile Luisella Fenu.

Ultime notizie