mercoledì, 4 Agosto 2021

Covid estero, 850 positivi dopo vacanza a Maiorca. A Mosca 144 decessi in un giorno

Situazione nel mondo, nuovi casi da coronavirus causati dalla variante indiana. Scattano e si prolungano restrizioni.

Da non perdere

Aumentano i casi Covid in diverse parti del mondo. Molti Paesi hanno deciso di adottare nuove restrizioni, tra queste Sydney in lockdown da ieri, ma ci sono anche zone in cui sarà necessario prolungare le restrizioni in vista di un possibile peggioramento.

Boom dei contagi dopo vacanza a Maiorca: 850 casi

I media spagnoli rendono noto che, a seguito di una vacanza a Maiorca salgono a 850 i positivi al Covid. Il numero è dato dagli studenti spagnoli di ritorno dalle vacanze nell’isola. Sono migliaia gli studenti ora costretti alla quarantena a seguito di contatti con persone contagiate. La capitale è la zona più colpita, oltre i 3mila esposti al megafocolaio costretti alla quarantena, sono 363 gli studenti contagiati.

Ma a risentire del viaggio all’isola non è stata solo la città di Madrid. Nelle ultime settimane infatti, si sono confermati contagi di ritorno da Maiorca nelle Comunità Valenciana, Galizia, Catalogna, Paesi Baschi, Aragona, Murcia, Castilla-La Mancha.

Feste in barca, hotel e un concerto reggaeton nella Plaza de Toros a Palma di Maiorca: questi sembrerebbero i luoghi dove si sono sviluppati i focolai. Ora le autorità stanno battendo palmo a palmo l’isola per constatare se hotel e locali abbiano seguito le misure anti-Covid.

Londra aveva inserito Maiorca nella lista verde delle destinazioni. L’isola, infatti, attende un boom di turisti britannici a partire da mercoledì.

Russia, Mosca in ginocchio per il record di decessi

Record di decessi a Mosca nella giornata di oggi. Solo nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 144, mai così tanti dall’inizio della pandemia. Il dato supera persino il numero di decessi di sabato di San Pietroburgo che si assestava sui 107 morti.

In tutto il Paese, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 20.538 nuovi casi, con 599 morti.

La variante indiana continua a mietere vittime, complice anche il basso numero di vaccinazioni. A tal proposito Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute per l’emergenza coronavirus e docente di Igiene all’università Cattolica di Roma, in un editoriale su ‘Avvenire’ scrive: i vaccini da soli non bastano: per la sua contagiosità e per il fatto che è difficile raggiungere la copertura vaccinale del 90/95% che consentirebbe di ottenere un’immunità di popolazione, è necessario adottare tutte le cautele comportamentali e istituzionali finalizzate a evitare un’ulteriore ondata epidemica”. E conclude specificando che le norme base per la prevenzione della diffusione del virus, quale distanziamento e igienizzare le mani, non sono da abbandonare con leggerezza.

Israele, sempre più casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 229 casi di Covid in Israele, numero troppo alto rispetto a quelli registrati per la maggior parte del mese di giugno. La campagna vaccinale sta comunque cogliendo i frutti, infatti il numero di pazienti gravi resta basso. Oggi ci sarà una riunione per affrontare la questione coronavirus, per le nuove misure da adottare. Dopo aver reintrodotto le mascherine al chiuso e nei luoghi affollati, saranno varate le seguenti misure: la mascherina all’aperto, il tampone per i non vaccinati per determinate attività, riduzione delle persone che possono assembrarsi.

Asia, Thailandia in arrivo restrizioni, Malesia proroga

In Thailandia è stata annunciata l’entrata in vigore di nuove restrizioni anti-Covid, nella capitare Bangkok e altre cinque province confinanti. Le restrizioni resteranno in vigore per 30 giorni, e prevedono: centri commerciali chiusi alle 21, stop alle feste e assembramenti (sopra le 20 persone), sarà infine, vietato mangiare al ristorante.

In Malesia la libertà era nell’aria, vista la fine delle restrizioni da domani, ma il premier Muhyiddin Yassin ha annunciato una proroga a causa dei casi registrati sabato, ovvero 5.803. Le restrizioni continueranno fin quando in Malesia non si registreranno casi al di sotto dei 4mila.

Australia, a Sydney 30 casi nonostante il lockdown

Nonostante Sydney sia in lockdown dalla giornata di ieri fino al 9 luglio, sono stati registrati altri 30 casi. Le infezioni provocate dalla variante indiana salgono così a 110, la premier dello Stato, Gladys Berejiklian, afferma che i numeri aumenteranno ancora nei prossimi giorni.

Infatti la Berejiklian ha detto: “Dato l’elevato tasso di contagio di questo ceppo del virus ci aspettiamo che nei prossimi giorni il numero dei casi probabilmente aumenterà anche oltre il livello che abbiamo visto oggi perché stiamo vedendo che le persone in isolamento sfortunatamente avevano già contagiato tutte le persone con le quali erano entrate in contatto nelle loro abitazioni”.

Nuova Zelanda, Wellington in allerta 2

Proroga del livello di allerta 2 Covid-19 a Wellington per due giorni a causa di un turista australiano risultato positivo al coronavirus dopo aver visitato la città lo scorso fine settimana.

La Nuova Zelanda ha bloccato per tre giorni i viaggi dall’Australia per via dei troppi contagi, la pausa però, servirà per valutare se imporre altre misure e a comprendere la situazione in cui riversa l’Australia.

Ultime notizie