martedì, 19 Ottobre 2021

LEMANDORLE: “L’estate fa schifo”

Un quadretto surreale che racconta con autoironia la sensazione del sentirsi fuori luogo nelle situazioni sociali in cui il mondo intero sembra trovarsi invece a proprio agio

Da non perdere

Un quadretto surreale che racconta con autoironia la sensazione del sentirsi fuori luogo nelle situazioni sociali in cui il mondo intero sembra trovarsi invece a proprio agio. Un brano malinconico e ballabile che cita i Daft Punk e omaggia Franco Battiato. Neanche tre minuti di pop dadaista e post-moderno, che mescola alto e basso, cinema, avanguardia e arte figurativa, passato e presente, in un cortocircuito citazionista ma allo stesso tempo intimo e personale.

Un caleidoscopio di suggestioni che vanno da “Around The World” dei Daft Punk a “La voce del padrone” di Franco Battiato e poi “I pugni in tasca” di Marco Bellocchio, i dipinti “Il sogno” di Henri Rousseau e “A bigger splash” di David Hockney, arrivando fino all’avanguardia del compositore Luciano Berio.
Il tutto come se fossimo al Luna-Park, tra autoscontri e ottovolanti.

Ultime notizie