martedì, 19 Ottobre 2021

Vaccini Aifa, muore dopo AstraZeneca: “Emersi casi di Cls dopo vaccino”

Aifa comunica un aggiornamento delle caratteristiche del prodotto AstraZeneca dopo una morte per sindrome di perdita capillare avvenuta qualche giorno dopo la somministrazione del vaccino

Da non perdere

L’Agenzia italiana del farmaco Aifa informa della presenza di “casi molto rari di sindrome da perdita capillare” o Cls emersi qualche giorno dopo dalla somministrazione del vaccino Astrazeneca; mentre “In alcuni casi era già presente una storia clinica di Cls” e a tal proposito “è stato riportato un caso con esito fatale, motivo per il quale sottolinea l’Agenzia (Aifa)  “Vaxzevria (o Astrazeneca) è attualmente controindicato nei soggetti che in precedenza hanno presentato episodi di Clsaggiornando, così, gli operatori sanitari “sui punti emersi dalla valutazione del rischio di insorgenza dopo vaccinazione.”

Cos’è la sindrome da perdita capillare?

Si tratta, spiega l’Agenzia, di una rara malattia genetica caratterizzata da episodi acuti di edema che colpiscono principalmente gli arti, ipotensione, emoconcentrazione e ipoalbuminemia. I pazienti con un episodio acuto di Cls in seguito alla vaccinazione necessitano di rapida diagnosi e trattamento. Di solito è necessaria una terapia intensiva di supporto. E a tal proposito l’Aifa chiarisce che “il riassunto delle caratteristiche del prodotto di Vaxzevria (Rcp) è in corso di aggiornamento per l’aggiunta di queste informazioni“.

 

Ultime notizie