martedì, 3 Agosto 2021

Oms: preoccupano i metodi in stabilimento di produzione del vaccino Sputnik-V

L'Oms sta esaminando insieme all'Ema lo Sputnik-V per una sua eventuale approvazione. Rimangono ancora dubbi e preoccupazioni per i metodi usati nello stabilimento che produce il vaccino russo.

Da non perdere

L’Organizzazione mondiale della sanità si dice preoccupata per i metodi usati nello stabilimento che produce il vaccino russo Sputnik nella lotta contro il Covid-19. La Slovacchia ha annunciato che che venderà o donerà 160mila delle 200mila dosi che aveva ordinato del farmaco.

L’Oms sta esaminando insieme all’Ema – Agenzia europea per i medicinali – il vaccino russo per una sua eventuale approvazione. Ma ancora è in dubbio in merito al controllo qualità e ai risultati dei test di uno dei quattro stabilimenti di produzione che ha visitato in Russia, quello della Pharmstandard-UfaVITA a Bashkortostan.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che sono stati presi tutti i provvedimenti necessari; mentre l’azienda si è resa disponibile per una nuova ispezione.

Intanto lo Sputnik V è stato approvato da più di 60 Paesi.

Ultime notizie