mercoledì, 4 Agosto 2021

Morte Luana D’Orazio, indiscrezioni sulla perizia: manomesso quadro elettrico del macchinario

Il marito della titolare si è avvalso della facoltà di non rispondere. Trapelano indiscrezioni sulla perizia eseguita sull'orditoio a cui stava lavorando Luana D'Orazio quando è morta.

Da non perdere

Sulla morte della giovane 22enne, Luana D’Orazio, morta a Prato lo scorso 3 maggio, le indagini continuano. I magistrati hanno voluto vederci chiaro sul macchinario che l’ha uccisa.

La perizia effettuata alcuni giorni fa, ha accertato che il quadro elettrico dell’orditoio al quale stava lavorando Luana D’Orazio, sarebbe stato manomesso. La relazione del perito sarà consegnata alla Procura della Repubblica di Prato nei prossimi giorni.

Ieri, proprio in Procura è stata interrogata Luana Coppini, titolare dell’azienda dove lavorava la giovane 22enne deceduta. Ieri, la responsabile dell’azienda tessile ha risposto alle domande degli inquirenti, mentre suo marito, indagato anch’esso, ha scelto di non parlare.

 

Ultime notizie