martedì, 3 Agosto 2021

“Cadono come mosche”: tweet su Eriksen vaccinato Davide Barillari non si scusa

"Se tornassi indietro rifarei il post, non mi devo scusare di nulla. C'è un tema più grande, che non è il calciatore ma le reazioni avverse". Così Davide Barillari consigliere regionale del Lazio travolto dalle polemiche.

Da non perdere

Davide Barillari, consigliere regionale del Lazio, non intende scusarsi né fare marcia indietro sul tweet pubblicato ieri, nel quale sosteneva che il malore in campo di Eriksen, potrebbe essere associato al vaccino.

L’ex 5 Stelle aveva scritto: “Christian Eriksen, giocatore dell’Inter (vaccinato) durante la partita Danimarca Finlandia, cade a terra per arresto cardiaco. Praticato massaggio cardiaco. Ora è ricoverato in ospedale. Cadono come mosche. #nessunacorrelazione #sonosolocoincidenze #vaccini #r2020”.

Dopo le polemiche sollevate, il suo commento è stato Se tornassi indietro rifarei il post, non mi devo scusare di nulla – sottolineando – “che c’è un tema più grande, che non è il calciatore ma le reazioni avverse. Il punto è questo. Chi si deve vergognare? Io che faccio un post o chi ha le informazioni e non approfondisce? Io non ho la verità assoluta. Ma dico che bisogna investigare”.

“E ciò – precisa – non vuol dire fare sciacallaggio. Non ci sono certezze. Tutti i calciatori sono stati vaccinati. La nazionale è stata vaccinata, come le forze dell’ordine, gli infermieri e i medici. Io penso che tutti in Europa siano vaccinati. Per me ogni cosa è strumentale per aprire il dibattito”, ha rilanciato l’esponente politico.

“Questo di Eriksen è uno dei tanti casi in cui non c’è chiarezza né voglia di approfondire. Confermo che ci sono morti e reazioni avverse, paralisi, trombosi di persone a seguito del vaccino, i numeri sono alti. Vorrei che si indagasse per capire cosa succede. Chiedo trasparenza. Questo tweet -conclude- l’ho scritto per avere informazioni che non mi stanno dando”.

Ultime notizie