venerdì, 25 Giugno 2021

Emilia Romagna “ferma” AstraZeneca e J&J: open day avanti solo con Pfizer e Moderna

Gli Open Day già programmati in Emilia Romagna, con l'intento di continuare a vaccinare a pieno ritmo senza tenere fuori nessuno, usando però esclusivamente lotti Pfizer e Moderna

Da non perdere

Proseguono e rimangono invariati gli Open Day già programmati in Emilia Romagna, con l’intento di continuare a vaccinare a pieno ritmo senza tenere fuori nessuno, usando però esclusivamente lotti Pfizer e Moderna. La decisione emerge dopo provvedimenti simili da parte di Lazio e Umbria.

La Regione ha deciso ieri, con una direttiva della Direzione Generale dell’assessorato alle Politiche per la salute, di proseguire in via prudenziale, aspettando nuove indicazioni da parte del Comitato Tecnico Scientifico, riguardo le dosi di vaccini a vettore virale, ossia AstraZeneca e Johnson &Johnson, per le persone al di sotto dei sessant’anni.

AstraZeneca e J&J verranno comunque impiegati dalle Aziende Sanitarie, dai medici e in futuro anche dai farmacisti, con lo scopo di individuare e immunizzare quella fetta di popolazione over60 che pur potendolo fare, non si è ancora vaccinata contro il Covid19.

L’Emilia Romagna, parallelamente, ha chiesto nel minor tempo possibile alle autorità competenti, un esito chiaro e definitivo riguardo le secondi dosi di AstraZeneca per chi ha già ricevuto la prima, indipendentemente dall’età del vaccinato.

La morte di Camilla, la studentessa 18enne vaccinata il 25 maggio con AstraZeneca durante un open day in Liguria, ha rimesso in discussione il siero anglosvedese. Dalle prime risultanze investigative è emerso che la ragazza era affetta da carenza cronica di piastrine.

Ultime notizie