venerdì, 18 Giugno 2021

Abbandonano migranti sul barchino e tornano in Libia: presi scafisti salvi 37 disperati quasi tutti minorenni

A 80 miglia alle coste calabresi il peschereccio si è fermato e i 37 migranti, 35 dei quali minorenni non accompagnati, sono stati spostati su di un barchino, dopo di che ha invertito la rotta

Da non perdere

La Guardia di Finanza, durante un operazione aeronavale, ha fermato otto scafisti al largo delle coste calabresi.

Nella mattinata del 3 giugno, la Guardia di Finanza di Pomezia aveva individuato un peschereccio con a rimorchio un battello più piccolo, diretto verso le coste italiane e partito dalla Libia.

Il peschereccio a 80 miglia alle coste calabresi si è fermato e i 37 migranti, 35 dei quali minorenni non accompagnati, sono stati spostati su di un barchino. Il peschereccio ha invertito la rotta.

Sono state messe in atto operazioni aeronavali e di altura per fermare il peschereccio in fuga e alle 21.60 del 3 giugno, i finanzieri hanno recuperato i migranti, ormai in acque italiane, i quali sono stati condotto nel porto di Roccella Ionica.

Qualche ora dopo a circa 260 chilometri dalla Calabria, l’unità di altura ha bloccato il peschereccio con a bordo 8 uomini di provenienze nordafricana. La Polizia, nel porto di Roccella, ha avviato le operazioni per il fermo dell’equipaggio.

Ultime notizie