mercoledì, 27 Ottobre 2021

Marco Zennaro, detenuto da due mesi in Sudan: peggiorano condizioni fisiche e psicologiche

"Sono ostaggio di un sistema senza regole" afferma l'imprenditore.

Da non perdere

“Sono ostaggio di un sistema senza regole”, afferma l’imprenditore Marco Zennaro, detenuto da due mesi in Sudan in condizioni disumane.

L’azienda di Marco Zennaro produce trasformatori elettrici ed è in affari con il Sudan da oltre 25 anni. Nel 2021 l’azienda Zennaro ha problemi con un contratto di vendita e prodotti e l’imprenditore Marco Zennaro, si dirige a marzo 2021 in Sudan per risolvere la questione.  Solo che, a pochi giorni dal suo arrivo, viene arrestato e messo per dieci giorni ai domiciliari in hotel; qui si mette in contatto con Ayman Gallabi, titolare di un’azienda di distribuzione, per pagare 400mila euro in cambio del suo rilascio.

In aeroporto però viene arrestato e dal primo aprile è detenuto in cella in un commissariato di Khartoum. Zennaro racconta di “otto ore nei sotterranei del tribunale di Khartoum, al buio, senza un bagno, senza acqua e nessuna possibilità di comunicare”. Gli avevano detto che sarebbe andato in albergo e si è ritrovato in una cella sotterranea. L’imprenditore veneziano è rinchiuso da oltre due mesi in Sudan.

Si racconta, dopo due mesi, il 2 giugno, all’indomani della visita della Farnesina, in un resoconto inviato ai familiari. Le condizioni sono tremende: “Siamo tutti ammassati. Sembra di stare in un forno dove la temperatura raggiunge i 50 gradi”. Dopo un’ora e mezza di tragitto Zennaro arriva in carcere e, confessa, “Ho paura. Non so cosa mi aspetta”. Continua: “Mi hanno fatto attraversare il settore degli omicidi, spacciatori e criminali: un inferno di 700-800 corpi ammassati uno sull’altro”.

Infine è stato messo in cella con persone con diversi reati penali, più di 200. Le sue condizioni sono degenerate e i suoi compagni di cella si sono presi cura di lui.

Ultime notizie