domenica, 24 Ottobre 2021

Vaccini, da oggi si cambia: via libera alle prenotazioni aperte a tutti

In molte regioni italiane da oggi prenotazioni aperte a tutti. Per il ministro Speranza "possiamo ancora accelerare la nostra campagna per superare questa stagione così difficile"

Da non perdere

Da oggi, in molte regioni italiane, vaccino anti Covid per tutti, dai 12 anni in su. Le prenotazioni saranno libere e non più con il criterio anagrafico e i limiti previsti dal piano vaccinale che servivano per proteggere anziani e fragili.

Per le somministrazioni ai più giovani si utilizzerà il canale preferenziale dei pediatri. “Tutti potranno prenotare il vaccino” spiega Speranza, “possiamo ancora accelerare la nostra campagna”.

In Campania e in Lombardia le prenotazioni dai 12 anni in su sono aperte già da ieri sera. Lazio, Liguria, Puglia, Molise e Trentino proseguiranno invece per fasce d’età sempre con prenotazione.

Si va avanti con con gli open day, con percentuali di adesione altissime tra i giovani. Infatti, solo ieri, 8mila persone in fila all’hub fiera di Bologna per assicurarsi il vaccino monodose Johnson&Johnson. Assembramenti urla e spintoni all’apertura. Le autorità sanitarie, che inizialmente prevedevano 1200 dosi, alla fine ne hanno somministrate 3mila.

Attesi entro il fine settimana altri due milioni e mezzo di vaccini oltre ai 3,5 milioni di Pfizer già in distribuzione. Oggi dovrebbero essere consegnate all’hub della Difesa a Pratica di Mare circa 370mila dosi di Johnson&Johnson, domani oltre 1,7 milioni di Astrazeneca e venerdì quasi 400mila dosi di Moderna.

Ad oggi, sono 35.435.853 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate in Italia. Le persone che hanno completato il ciclo vaccinale sono 12.294.543, il 22,66% della popolazione.

Sulla somministrazione della seconda dose ai vacanzieri, il presidente della Regione Emilia Romagna, Bonaccini, dice: “Se ci danno più dosi pronti per i turisti. Per gli emiliani che restano in regione la cosa non è un problema, per chi viene da fuori se ci vengono date più dosi non dovrebbe essere così complicato da organizzare e questo un tema in discussione con il Governo”.

Pregliasco, ricercatore di Virologia all’Università Statale di Milano e direttore sanitario dell’Ospedale Galeazzi: “Il virus rimarrà con noi ma con conseguenze minori grazie ai vaccini. La quarta ondata è il colpo di coda di cui siamo in attesa”. Continua: “Da aprile tutti i parametri ci dicono che la situazione epidemiologica è in continuo miglioramento, ma non possiamo dimenticare che questo è il risultato di mesi di sacrifici, chiusure e zone rosse. A forza di riaperture ora c’è la possibilità di un colpo di coda del virus.

L’immunità di gregge “senza scendere sotto i 12 anni sarà irraggiungibile, ma ci si potrà avvicinare. Non è così importante però, si tratta solo di un modello matematico. Il virus rimarrà endemico per almeno due o tre anni e ciò che conterà sarà rivaccinare le categorie a rischio per tenerle lontano dai guai”.

Ultime notizie