giovedì, 24 Giugno 2021

Messina, maxi frode fiscale: sequestrati beni da oltre 7,5 milioni di euro

Secondo gli inquirenti l'imprenditore aveva costituito uno sham trust di diritto maltese per far confluire il patrimonio illecitamente accumulato.

Da non perdere

Perquisizioni e sequestri della Guardia di Finanza di Messina per una maxi frode fiscale da oltre 7,5 milioni di euro: confiscati conti correnti, rapporti bancari, quote societarie e beni immobili, tra cui alcuni in dotazione ad un trust di diritto maltese.

Si tratta dell’esito di complesse investigazioni condotte dagli agenti del Nucleo di Polizia
Economico-Finanziaria di Messina. Secondo gli inquirenti, a capo del meccanismo fraudolento, un noto imprenditore messinese (A.G. classe ’68) che agiva attraverso una società (M.S. srl) con sede nel capoluogo siciliano e operante nel settore delle pulizie di edifici; insieme a lui sarebbe coinvolto anche un fidato prestanome (S.R. classe ’55) il cui compito era quello di sottrarsi al pagamento di Iva e Ires, l’imposta sul reddito delle società .

I due, insieme alla società stessa, sono ora indagati per omessa ed infedele dichiarazione dei redditi, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, nonché in ordine ad ipotesi di falso in bilancio, autoriciclaggio e per non aver predisposto modelli organizzativi e di gestione idonei a prevenire reati tributari e riciclatori.

Le attività andavano avanti da quasi un decennio, coinvolgendo anche altre società, tutte riconducibili allo stesso gruppo imprenditoriale e operanti in vari settori, dall’edile a quello della grande distribuzione. Unico scopo, ottenere illeciti guadagni dalla mancata dichiarazione e pagamento delle imposte. Il tutto attraverso un solo formale e fittizio spostamento della sede della società nel mirino degli agenti a Milano, che di fatto era domiciliata a Messina.

La società, dopo aver maturato un elevato debito tributario nei confronti dello Stato, dipesa dalla sistematica e longeva evasione fiscale, attraverso alcune operazioni giustificate come infragruppo o cessioni di rami aziendali a favore di nuove compagnie, si era svuotata dalle consistenze finanziarie ed economiche; in questo modo l’Amministrazione Finanziaria non poteva recuperare le somme evase.

L’imprenditore messinese è stato smascherato dalle indagini sui trasferimenti finanziari e una comparata analisi dei flussi bancari e della documentazione amministrativo-contabile della società apparentemente trasferita a Milano. Per blindare il tesoretto sottratto alla tassazione fiscale e accumulato nel corso degli anni, A.G. aveva costituito un trust di diritto maltese, nel quale confluiva il patrimonio.

Sono stati sottoposti a sequestro sia i conti correnti e i rapporti bancari di A.G. e S.R. sia quelli della persona giuridica investigata, nonché la maggioranza delle quote della società proprietaria di un noto centro commerciale di Messina e decine di prestigiosi immobili di una società di costruzione locale, il tutto conferito ad hoc, come “dotazione”, nel trust di diritto maltese.

Ultime notizie