domenica, 24 Ottobre 2021

Covid, prove sull’origine del virus Sars-Cov-2: Bassetti e Novelli fermano le polemiche

Dopo le polemiche sollevate dal virologo statunitense Anthony Fauci, sull'urigine naturale del Sars-Cov-2, due scienziati italiani Matteo Bassetti e Giuseppe Novelli esprimono il loro parere.

Da non perdere

La bomba rilasciata ieri dal virologo statunitense Anthony Fauci, riguardo la sua incertezza sulle origini naturali del virus Sars-Cov-2, ha procurato diverse reazioni nel mondo accademico-scientifico, da sempre diviso tra i fautori della teoria della creazione in un laboratorio di Wuhan e i sostenitori della provenienza del virus dai pipistrelli.

Fauci ha inoltre affermato che secondo il suo parere sarebbe utile indagare in merito, del parere discordante, per ragioni diverse, sono due esperti italiani: l’infettivologo Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e il genetista Giuseppe Novelli ordinario di genetica medica all’Università di Tor Vergata di Roma.

Il primo si dice disinteressato da scienziato alla polemica e stupito dalle dichiarazioni del collega americano, che gli sembrano più di carattere politico. Secondo Bassetti, è ormai noto alla comunità scientifica che il virus arrivi dai pipistrelli resta solo da conoscere l’animale intermedio che ha permesso il passaggio all’essere umano. L’infettivologo ritiene irrilevante, per la salute pubblica, conoscere se il virus provenga da un mercato o da un laboratorio, bensì sarebbe più utile far in modo che una pandemia simile non si verifichi mai più migliorando i sistemi di sorveglianza e non commettendo più ritardi nella comunicazione: “Sappiamo oggi che i primi casi di polmonite atipica risalgono all’estate del 2019, il mondo si è accorto che c’era qualcosa che non andava a fine 2019, mesi e mesi di ritardo”.

Per il secondo esperto prima di sollevare polemiche bisognerebbe avere le prove che sino ad oggi non ci sono, anche secondo il suo parere il virus ha origini naturali ,ma per conoscere come abbia mutato ci vorranno anni di ricerca. Quindi Novelli invita alla cautela prima di affermare che si è sicuri della verità in un senso o nell’altro.

Ultime notizie