giovedì, 24 Giugno 2021

Nuoto, Europei di Budapest: non solo medaglie. Record del mondo per la Pilato

Conquista l'accesso alla finale dei 50 rana femminili, l'enfant terrible del nuoto italiano, Benedetta Pilato che, a 16 anni e in un solo giorno, sgretola il record europeo in batteria e quello mondiale in semifinale, migliorandolo di un decimo.

Da non perdere

Sempre più ricco il bottino di medaglie azzurro agli Europei di Nuoto che si svolgono alla Duna Arena di Budapest. Il sesto giorno di gare regala all’Italia un argento e tre bronzi.

Negli 800 stile libero, doppietta azzurra con Gregorio Paltrinieri argento e Gabriele Detti bronzo. Vince l’ukraino Mykhaylo Romanchuk che, dopo l’oro nei 1500 metri, rimonta sull’italiano nelle ultime vasche e chiude in 7’42″61.

Mentre nuotavo le ho provate tutte“, ha detto super Greg al termine della gara, “ho provato a scappare ma non ce la facevo, ho messo dentro tutto quello che avevo comunque è un buon tempo e un’altra medaglia“. E ha aggiunto: “Perdere non è mai bello, vado via con 5 medaglie, tre ori e due argenti, sono contento. Pensavo di poter dare il meglio di me ma non pensavo di tornare con cinque medaglie“. Ricordiamo che i tre ori di Paltrinieri sono stati conquistati nel nuoto di fondo.

Nei 50 rana, dietro ad un invincibile Adam Peaty e al bielorusso Ilya Shymanovich, l’azzurro Nicolò Martinenghi è bronzo con il tempo di 26″68. Ottavo posto per Alessandro Pinzuti.

La quarta medaglia del giorno è ancora un bronzo ed è quello della staffetta 4×100 stile libero mista. Alessandro Miressi, Thomas Ceccon, Federica Pellegrini, Silvia Di Pietro cedono alla distanza, dopo aver dominato tre quarti di gara. Oro per la Gran Bretagna con 3’22″07, argento per l’Olanda con 3’22″26, bronzo per gli azzurri con 3’22″64.

Gli azzurri e le azzurre nelle semifinali di domani:

Conquista l’accesso alla finale dei 50 rana femminili, l’enfant terrible del nuoto italiano, Benedetta Pilato che, in un solo giorno sgretola il record europeo in batteria e quello mondiale in semifinale, migliorandolo di un decimo. A soli 16 anni imprime il suo nome nella storia del nuoto accanto ad un tempo incredibile: 29″30. Questa la finale dei 50 rana: Benedetta Pilato, Efimova, Vasey, Hulkko, Arianna Castiglioni, Hansson, Kivirinta, Belonogoff.

Tra le finaliste dei 200 dorso femminili: Margherita Panziera, Grabowski, Burian, Wild, Zamorano Sanz, Szabo Feltothy, Shanahan, Zevina.

Tra i finalisti dei 50 stile libero uomini: Gkolomeev, Manaudou, Liukkonen, De Boer, Proud, Alessandro Miressi, Lorenzo Zazzeri, Grousset.

Questi i finalisti dei 100 farfalla uomini: Milak, Guy, Miladinov, Majerski, Ponti, Szabo, Vekovishchev, Federico Burdisso.

Non accedono, invece, alla finale Ilaria Cusinato e Sara Franceschi nei 200 misti ed Elena Di Liddo nei 50 farfalla donne.

 

Ultime notizie