lunedì, 21 Giugno 2021

Aquila, maltrattamento di animali e smaltimento illecito di rifiuti: 4 persone denunciate

I Carabinieri hanno scoperto un allevamento di 40 cani meticci, tutti senza microchip. I cani vivevano con lui in un appartamento di soli 50 metri quadrati tenuto in condizioni di profondo degrado.

Da non perdere

Era nata come un’indagine sullo smaltimento illecito di rifiuti e si è trasformata in una operazione contro il maltrattamento di animali.

È accaduto quest’oggi in provincia dell’Aquila, dove sono state denunciate 4 persone.

I Carabinieri Forestali di Pereto, in provincia de L’Aquila, hanno denunciato diverse persone tra cui un uomo di 53 anni di Castellafiume per maltrattamento di animali e smaltimento illecito di rifiuti.

Durante la perquisizione nell’abitazione, avvenuta in seguito alle disposizioni previste dalla Procura di Avezzano, i Carabinieri hanno scoperto che l’uomo allevava 40 cani meticci, tutti senza microchip. I cani vivevano con lui in un appartamento di soli 50 metri quadrati tenuto in condizioni di profondo degrado.

Il servizio veterinario della Asl ha preso in carico i cani ed ha disposto il loro ricovero nel canile “Comar Farm” di Collelongo (L’Aquila). Il 118 ha trasportato l’uomo in una struttura ospedaliera per accertamenti

In merito allo smaltimento illecito di rifiuti i Carabinieri hanno denunciato altre tre persone. I presunti autori dell’illecito smaltimento di rifiuti, occultavano i contenuti in grandi bidoni neri in varie zone dei comuni di Carsoli, Oricola e Rocca di Botte, in provincia dell’Aquila.

Negli ultimi mesi, i militari di Pereto hanno seguito e individuato gli autori dell’abbandono dei recipienti, spesso avvolti e sigillati in grandi sacchi neri e contenenti deiezioni solide e liquide di cani.

Ultime notizie