martedì, 15 Giugno 2021

Biden-Putin, incontro il 15 giugno: domani Blinken in Islanda

Domani il Consiglio artico con Blinken e Lavrov, la prova del nove per confermare l'incontro tra i due leader.

Da non perdere

Dovrebbe esser stato fissato al 15 giugno l’incontro fra Joe Biden e Vladimir Putin. Manca solo il consenso ufficiale al vertice da parte della Federazione russa.
Secondo fonti della testata moscovita Kommersant, la decisione dipenderà dall’esito dei colloqui previsti per il 19 e il 20 maggio tra Sergei Lavrov e Anthony Blinken. Se Mosca darà il via libera al vertice, l’incontro fra i presidenti potrebbe svolgersi in Svizzera, a Ginevra.

Il presidente Biden aveva invitato Vladimir Putin ad incontrarsi in uno dei Paesi europei il 15 o il 16 giugno; date convenienti per l’ex senatore del Delaware che sarà in Gran Bretagna per il G7 quattro giorni prima, e il 14 a Bruxelles per una riunione dei leader degli Stati membri della NATO. Nonostante il Cremlino non abbia ancora dato alla Casa Bianca il suo consenso per l’incontro tra i due presidenti, la Russia si dice d’accordo sulle date proposte.

Di fondamentale importanza sarà il Consiglio artico, a Reykjavik, in cui avverrà il primo incontro fra il ministro degli Affari Esteri Sergej Lavrov e Anthony Blinken. “Tutto ciò che in un modo o nell’altro influisce sulla stabilità strategica, armi nucleari e non nucleari, armi offensive e difensive, tutto dovrebbe essere sul tavolo dei negoziati tra Russia e Stati Uniti“, ha detto lunedì Lavrov.

Il ministro di Russia Unita conta su “una conversazione professionale” con il Segretario di Stato americano, “che aiuterà a chiarire le intenzioni specifiche degli Stati Uniti riguardo alle relazioni con la Russia, e in termini di posizione su questioni internazionali“. Ha poi aggiunto che a Reykjavik, lui e il suo omologo americano discuteranno di “quelle sfere delle relazioni bilaterali, della vita internazionale, dove gli interessi dei due Paesi possono coincidere e dove si può cercare un equilibrio di interessi sulla base dell’uguaglianza e del rispetto reciproco“.

Due vertici che si preannunciano al cardiopalma: è di soli due mesi fa la dichiarazione di Joe Biden al giornalista George Stephanopoulos in cui il presidente americano dava a Putin dell’assassino.

Ultime notizie