giovedì, 24 Giugno 2021

Lopalco: “Rivalutare lo strumento RT, indice di contagio superato”

Il professor Lopalco dichiara che l'indice RT è uno strumento superato per fare un quadro realistico della situazione pandemica in Italia e propone un nuovo modo di calcolare l'incidenza

Da non perdere

Il professor Pier Luigi Lopalco, epidemiologo e assessore della Sanità in Puglia, in un’intervista a ‘Il Messaggero’ dichiara che l’indice Rt in questa fase è uno strumento superato per fare una fotografia della situazione pandemica nel Paese, perché impedisce di fare interventi tempestivi.
”Mi rende molto felice il fatto che finalmente si ricorra a un meccanismo più semplice. Quello in vigore ha troppi cavilli, a partire dai 14 giorni in cui resti bloccato in un colore prima di potere cambiare”

Riguardo ai dati sull’incidenza invece, propone un cambiamento nel modo di calcolarla: il dato attuale si riferisce al totale dei tamponi eseguiti, ma avendo vaccinato soprattutto le categorie maggiormente a rischio, questo dato potrebbe essere poco utile. Il professore propone di calcolarla solo sui casi sintomatici o addirittura sul numero dei ricoveri, per avere un quadro più realistico della situazione.

”Questa ondata pandemica è passata, mi pare evidente ormai che si vada a fasi. Però sono ottimista, non sono tra coloro che si aspettano una quinta, una sesta ondata e via di questo passo” dichiara Lopalco. “ Il rischio però è che ‘ci sono ancora molte persone positive e questo potrebbe causare uno stillicidio di contagi nella coda dell’ondata. Ora che i giovani tornano ad uscire, a incontrarsi, possono riportare in famiglia il virus, alimentare nuovi focolai e, purtroppo, anche ricoveri e decessi”.

Ultime notizie