sabato, 19 Giugno 2021

Licenziamenti post covid: il Ministero del Lavoro studia il pacchetto occupazione

La novità potrebbe essere il contratto di rioccupazione, per ovviare ai licenziamenti che arriveranno alla fine del blocco

Da non perdere

Contratti di solidarietà, taglio totale dei contributi, riduzione dell’orario di lavoro. Queste le principali ipotesi al vaglio del ministro del Lavoro Orlando, per ovviare ai licenziamenti post covid. E poi la novità: contratto di rioccupazione. Ossia assunzione a tempo indeterminato, dopo formazione e periodo di prova (sei mesi al massimo), con sgravi contributivi al 100% se l’azienda assumesse. Per le imprese virtuose, inoltre, è allo studio il contratto di espansione.

Un beneficio anche per chi ha meno di cento dipendenti di ridurre l’orario di lavoro e facilitare lo scivolo (qualsiasi sostegno economico al lavoratore sino alla data in cui matura i requisiti per la pensione). Tale provvedimento premierebbe le aziende che assumono, per avviare la cosiddetta “staffetta generazionale”.

Il contratto di solidarietà entrerebbe in vigore da giugno per scongiurare i licenziamenti. Si tratta di una retribuzione al 70%, in presenza di un calo del 50% di fatturato, mantenendo lo stesso numero di occupati.

Per i settori più colpiti dalla pandemia, commercio e turismo, niente contributi per i dipendenti che vengono riconfermati dopo il blocco dei licenziamenti e la fine della Cassa Integrazione Guadagni (CIG) covid.

Ultime notizie