lunedì, 21 Giugno 2021

Vaccini, Pfizer consiglia di attenersi agli studi: seconda dose a 21 giorni

Valeria Marino direttore medico di Pfizer Italia consiglia di attenersi ai protocolli e aggiunge: "Potrebbe essere possibile una terza dose come booster".

Da non perdere

Valeria Marino, il direttore medico di Pfizer Italia, consiglia di attenersi agli studi sul richiamo per la seconda somministrazione del vaccino a 21 giorni.

Marino rilascia una dichiarazione, a Sky TG24, illustrando la procedura esatta del vaccino e parlando dell’allungamento a 5 settimane per la somministrazione della seconda dose: “ Il vaccino è stato studiato per una seconda somministrazione a 21 giorni. Dati su di un più lungo range di somministrazione al momento non ne abbiamo se non nelle osservazioni di vita reale, come è stato fatto nel Regno Unito. È una valutazione del Cts, osserveremo quello che succede. Come Pfizer dico, però, di attenersi a quello che è emerso dagli studi scientifici perché questo garantisce i risultati che hanno permesso l’autorizzazione”.

Il direttore medico Pfizer parla anche dell’eventualità di mettere in conto una terza dose, a seconda dell’urgenza che si potrebbe venire a creare: “Dobbiamo studiare anche la necessità della terza dose, abbiamo i dati che dimostrano la copertura immunitaria a sei mesi, dobbiamo osservare i successivi sei mesi. Potrebbe essere possibile una terza dose ma forse anche non necessaria, a meno che non intervengano eventuali varianti, in quel caso una dose ‘booster‘ potrebbe essere utile”.

Marino dice la sua sul vaccino annuale: “Bisogna essere molto cauti, potrebbe essere necessario entro l’anno o magari entro due”. Poi, chiarisce l’argomento sul rapporto variante-vaccino: “gli studi dimostrino l’efficacia del vaccino sulle varianti, in particolare la sudafricana. Vale lo stesso su quella brasiliana. L’allarmismo è più relativo alla capacità di diffusione”.

Ultime notizie