domenica, 26 Settembre 2021

Il coraggio di Peppino: il ricordo di Anci Sicilia

Che la storia di Peppino sia un esempio di resistenza per tutti e tutte le cittadine e i cittadini

Da non perdere

Il coraggio di Peppino Impastato non può essere dimenticato. E il sindaco di Palermo, nonché presidente di Anci Sicilia Leoluca Orlando, lo sa.

Ricorre infatti oggi il 41esimo anniversario dell’uccisione a Cinisi del militante di Dp, Peppino Impastato, dilaniato con una carica di tritolo dai mafiosi che inscenarono un finto attentato. Poco più 30enne, Peppino ha lasciato una pesante eredità: quella della lotta alla mafia, il coraggio delle idee e di resistere alle speculazioni ambientali, promuovendo i diritti civili, l’antifascismo, la giustizia sociale.

 “L’esperienza umana e culturale di Peppino Impastato – sottolinea Orlando – è un invito a tutti e principalmente ai giovani a rifiutare condizionamenti criminali mafiosi e a recuperare il valore della dignità umana e della libertà senza mai cedere alla rassegnazione”.

Per questo motivo, L’Anci Sicilia promuove e condivide l’impegno di tutti i comuni siciliani e “ricorda il sacrificio di Peppino Impastato, un giovane coraggioso che in un tempo e in un contesto pesante e difficile ha denunciato i boss mafiosi, il loro sistema, le loro infiltrazioni nelle istituzioni e la subcultura mafiosa che alimentava paura e indifferenza” continua il Presidente.

Che la storia di Peppino sia un esempio di resistenza per tutti e tutte le cittadine e i cittadini, che devono opporsi e combattere con lo stesso coraggio di Peppino, un fenomeno umano, quello mafioso, ancora oggi insito nella nostra società.

Ultime notizie