mercoledì, 22 Settembre 2021

Covid Piemonte, il presidente Cirio: “Creare bolle covid-free anche nelle aree montane”

L'ipotesi di Alberto Cirio, governatore del Piemonte è quella di vaccinare gli abitanti e gli operatori delle montagne piemontesi, per creare aree covid-free su modello delle isole minori italiane.

Da non perdere

Il Presidente della Conferenza Delle Regioni, Massimiliano Fedriga, intervenendo a Sky Tg24 ha detto: “La prima cosa da superare oggi, è l’indice rt che oggi andiamo a valutare“.

Nelle prossime ore, Fedriga avrà un confronto con il Commissario Figliuolo, per discutere sulla possibilità di somministrare la seconda dose in vacanza.

A tal proposito, Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia ha detto che: “Il Commissario Figliuolo dovrebbe favorire quelle Regioni che stanno rispettando i target dati e noi li abbiamo anche superati”.

La paura sul vaccino AstraZeneca, sembra essersi affievolita, infatti, in Lombardia: “Meno dell’1% delle persone rifiuta AstraZeneca. Noi in Lombardia, abbiamo vaccinato tutte le persone che lavorano nel nostro territorio. La stessa possibilità, credo, sia auspicabile per tutti coloro che si spostano verso le altre regioni, per vacanza o per altri motivi“, prosegue la Moratti.

Durante l’incontro con un gruppo di lavoratori stagionali valsusini, che stavano inscenando una protesta davanti alla sede della Regione a Torino, il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, ha spiegato che sarebbe opportuno vaccinare gli abitanti e gli operatori delle aree montane, come è accaduto per le isole minori, creando così: “Delle bolle covid-free sul modello di quanto è stato proposto per le isole italiane e far ripartire il turismo“.

Secondo il “contatore” di Sky Tg24, su dati del Ministero della Salute, il 26.7% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid-19, tra cui 6.8 milioni ha ricevuto anche il richiamo o la monodose Johnson&Johnson.

Il generale Francesco Paolo Figliuolo durante la sua visita all’hub vaccinale di Pescara, ha detto che ben 17 milioni di dosi sono in arrivo e ha ricordato che: “Da lunedì partono le prenotazioni per gli over 50“.

 

Ultime notizie