martedì, 28 Settembre 2021

Congo, due province sotto assedio: Tshisekedi chiede aiuto a Macron

Proclamato dal Presidente della Repubblica democratica del Congo lo stato di assedio in due province, minacciate dalla violenza di gruppi armati

Da non perdere

“Vista la gravità della situazione, il presidente ha informato il Consiglio dei ministri della sua decisione di proclamare, ai sensi dell’articolo 85 della Costituzione, uno stato d’assedio nelle province settentrionali del Nord Kivu e dell’Ituri”. Lo ha comunicato ieri sera il portavoce governativo del Congo.

Da tempo la Repubblica democratica del Congo è vittima della violenza di gruppi armati, questa volta di fronte all’insicurezza nell’est del paese, il presidente Félix Tshisekedi  si è visto costretto ad utilizzare “misure radicali”: l’articolo 85 prevede che il presidente possa proclamare “stato di emergenza o uno stato d’assedio quando gravi circostanze minaccino in modo immediato l’indipendenza o l’integrità del territorio nazionale, o quando causino l’interruzione del regolare funzionamento del istituzioni”.

Martedì Tshisekedi a Parigi aveva chiesto ad Emmanuel Macron l’aiuto della Francia per “sradicare”, nella regione di Beni, le Forze democratiche alleate quello che secondo lui è un gruppo armato “di tendenza islamista, con una dialettica islamista e metodi islamisti”.

Ultime notizie