venerdì, 14 Maggio 2021

Grinzane Cavour, rapina: gioielliere spara ai ladri, due morti ed un arresto

Il negozio era già stato rapinato nel 2015 e il gioielliere brutalmente picchiato. Panico tra i passanti. “La difesa è sempre legittima” Solidarizza Salvini.

Da non perdere

Due rapinatori morti e uno ferito, catturato in serata. Questo il bilancio dopo la sparatoria avvenuta in pieno centro nel comune di Grinzane Cavour, nel cuneese, da parte di un gioielliere, vittima di tentata rapina. Un orrendo flashback ridivenuto realtà.

Il gioielliere, infatti, che il 25 maggio 2015 aveva già subito lo stesso brutale destino, legato e picchiato da una coppia di banditi, finendo in prognosi riservata per un mese, questa volta ha reagito ed ha inseguito i rapinatori fino in strada, aprendo il fuoco sui rapinatori.

Ed è subito Far West: alle 18.30, in mezzo alla via principale della città, dopo cinque colpi di pistola esplosi, la corsa di due dei tre furfanti si arresta improvvisamente, due cadaveri giacciono sull’asfalto, mentre il terzo uomo, ferito, cerca salvezza nei campi. Sarà acciuffato dalle Forze dell’Ordine solo in serata nel borgo di Savigliano. Identificato solo uno dei due uomini deceduti, Andrea Spinelli.

Attimi di terrore tra i passanti, terrorizzati da quanto stava accadendo. “Mi batte il cuore” – dice una ragazza sulla scena della sparatoria – “è stato terribile: ho avuto paura di morire”.

Anche il Sindaco, accorso in strada dopo aver udito gli spari, ha espresso solidarietà nei confronti del gioielliere rapinato. Un messaggio a cui fa eco il post facebook di Matteo Salvini che cita: “Un abbraccio al gioielliere e alla sua famiglia aggredita. Il loro negozio era già stato rapinato nel 2015: il titolare era stato picchiato e legato, poi chiuso in bagno con la figlia. La difesa è sempre legittima”.

Ultim'ora