lunedì, 25 Ottobre 2021

Covid, Salvini non desiste: raccolte già 60mila firme per abolire il coprifuoco

Da non perdere

 

Sul coprifuoco anti-covid continua ad essere bufera politica. La Lega si batte per abolirlo e in 24 ore online sono state raccolte 60mila firme per cancellare l’orario di rientro a casa. 

Nessun vantaggio dal coprifuoco quindi per la Lega. È da cancellare, è una scelta politica italiana, non c’è in Europa o a Madrid. Matteo Salvini, nel corso di una intervista rilasciata a Rtl 102.5, dice la sua sul prossimo decreto riaperture: “Siamo d’accordo con Draghi, entro metà maggio ci sarà un aggiornamento in base ai dati scientifici, se continueranno a essere positivi, dal nostro punto di vista la riapertura deve essere totale, con azzeramento del coprifuoco“, ha affermato il leader della Lega. “Se c’è qualcosa che non convince, come il coprifuoco, che non ha senso, ma è scelta politica, lo diciamo, in 24 ore quasi 60mila persone hanno firmato il nostro appello online”. 

 “Se la scienza dice bianco e giallo, perché devo restringere la libertà?”, aggiunge. “Gelmini ha detto fino alle 22 poi a casa, mentre altri dicono alle 22 in punto? Per me dipende dal buon senso, che fai alle 22.01 fai le retate? Il no al coprifuoco viene dal basso”, ricorda Salvini. 

Interpellato a proposito della mozione di sfiducia al ministro della Salute, Roberto Speranza, che mercoledì sarà in Senato, Salvini ha risposto: “Prima la leggo, fra oggi e domani, ma oggi si sceglie in Parlamento sui 200 miliardi”. “Faccio quello che può andare a buon fine”, spiega. “Penso che in Parlamento i numeri ci siano per un commissione d’inchiesta”. 

In aggiunta, sull’ipotesi della “Lega fuori dal governo” continua a ribadire: “Ho tutta l’intenzione di stare dentro, per le nostre idee e le nostre battaglie, qualcuno ci vorrebbe fuori, come il Pd di Letta” che – aggiunge Salvini – “può firmare il nostro appello per fermare il coprifuoco”. 

 

Ultime notizie