lunedì, 27 Settembre 2021

Recovery Plan, sindaci del Sud sfilano per reclamare più fondi: “Ci spetta il 60%”

Il movimento raccoglie oggi oltre 500 sindaci di vari comuni. Al Mezzogiorno non bastano il 40% delle risorse, bensì quelli che spetterebbero, cioè il 60%: una differenza di ben 60 miliardi. 

Da non perdere

Oggi, 25 aprile 2021, nel giorno della Festa della Liberazione, una folta rappresentanza di sindaci del Mezzogiorno, con la fascia tricolore al petto e Al Bano Carrisi quale testimonial d’eccezione, si sono radunati a Napoli, in piazza del Plebiscito, per rivendicare i fondi del Recovery Plan. Questa distribuzione penalizzerebbe il Sud in favore delle Regioni settentrionali non basandosi sui criteri di Bruxelles sul Pil, sulla popolazione e sulla disoccupazione.

Il movimento partito da un piccolo numero di persone, grazie al passaparola, rispondendo alla rete del Recovery Sud, raccoglie oggi oltre 500 sindaci di vari comuni. Sono circa ottanta i primi cittadini di tutte le Regioni del Sud ritrovati in piazza del Plebiscito.

A spiegare i motivi della manifestazione è Luigi De Magistris, il primo cittadino di Napoli. Espone la sua posizione dichiarando che il Paese dovrebbe vedere nel Mezzogiorno l’opportunità di un riscatto e non avere la visione di una zavorra.

Al Mezzogiorno non bastano il 40% delle risorse, bensì quelli che spetterebbero, cioè il 60%: una differenza di ben 60 miliardi. I sindaci hanno incontrato la ministra Carfagna e la sottosegretaria Bellanova, portando la protesta verso Roma.

 

 

Ultime notizie