Alessandro e Marco Florio, i fratelli veronesi creatori di iDROwash
Alessandro e Marco Florio, i fratelli veronesi creatori di iDROwash

“La nostra missione è promuovere un nuovo modo di pensare l’edilizia, meno costruzioni e più ristrutturazioni. Vogliamo aggregare le risorse e le competenze per sviluppare nuove soluzioni per la riqualificazione e la rigenerazione urbana.” – con queste parole Alessandro e Marco Florio, due fratelli di Verona, presentano il loro progetto sulla pagina facebook di iDROwash, un innovativo sistema di pulizia per superfici esterne.

Com’è nata l’idea di iDROwash?

L’idea nasce durante i lavori per ristrutturare un rustico ereditato da nostro nonno paterno, un edificio costruito in pietra da sempre appartenuto alla nostra famiglia. Il materiale era ancora funzionale, non era marcio, ma ci avevano consigliato di demolirlo e ricostruirlo, sarebbe costato di meno. Ci sembrava un enorme spreco e così ci siamo messi a cercare una soluzione su Google. Digitando alcune parole prima in Italiano e poi in Inglese, abbiamo scoperto che negli Stati Uniti alcuni artigiani usavano una tecnologia che poteva fare al caso nostro. Abbiamo importato alcune componenti dall’estero e le abbiamo assemblate ad una pompa idraulica modificata. Il vero cuore pulsante della macchina è infatti tutto Italiano, al quale abbiamo operato un “bypass”, una modifica che abbiamo ideato per migliorare l’intera macchina. Vedendo gli ottimi risultati ottenuti sul nostro rustico abbiamo deciso di pubblicizzarci su internet e così sono iniziate ad arrivare le prime richieste di lavoro.

Come funziona iDROwash?

Usiamo solo acqua (anche non potabile) riducendo o eliminando l’uso di sostanze chimiche pericolose. L’acqua viene spruzzata in pressione sulle superfici da pulire grazie ad un macchinario molto complesso regolato con un software. Questo ci permette di lavorare su diverse tipologie di materiale anche in presenza di giardini, alberi e luoghi frequentati da animali domestici e bambini.

iDROwash
iDROwash all’opera

Avete già ricevuto richieste da parte di istituzioni e privati?

Certo. Riceviamo molte richieste principalmente da clienti privati, ma anche dalle istituzioni come ad esempio da quei comuni che sono attenti alla qualità di vita dei loro cittadini e all’accoglienza dei turisti che visitano la loro città.

Siete due fratelli, un esempio di come le “aziende” familiari funzionino ancora alla grande. Avete compiti diversi? Come vi siete gestiti?

Nel nostro caso l’impresa familiare funziona alla grande, abbiamo trovato un buon equilibrio e ci siamo suddivisi gli incarichi per gestire al meglio l’azienda. Questo è senz’altro un nostro punto di forza.

Quanto è costato realizzare il macchinario?

Il costo del macchinario è molto elevato, 30mila euro solo per le speciali componenti che abbiamo usato o fatto realizzare ad hoc. A cui si devono aggiungere il costo di circa 18 mesi di test che abbiamo eseguito per mettere appunto la macchina nelle diverse tipologie di lavoro.

iDROwash
iDROwash sulla pavimentazione di un parco

Ci sono state difficoltà burocratiche che vi hanno ostacolato o comunque rallentato?

Nessuna in particolare. Ma è stato comunque molto difficile, non esistono o non siamo riusciti a trovare specifiche iniziative che aiutino imprese artigiane come la nostra nella crescita. Per altri settori, come il digitale, ne esistono a centinaia: associazioni, finanziamenti pubblici, capitali privati e programmi di aiuto alla nascita e alla crescita di queste imprese. Bene. Ma non basta servono uguali opportunità e programmi specifici per le nuove imprese di tutti i settori. Ad esempio non siamo riusciti a trovare nessuna iniziativa che porti le nuove imprese, come la nostra, in una fiera di settore, spesso proibitiva per i costi. Bisogna dare la possibilità alle nuove imprese di mettersi alla prova con il mercato e cosa di meglio di una fiera? Se ci sono istituzioni, imprenditori o persone illuminate disposte ad ascoltarci noi ci siamo, siamo disponibili anche a metterci la faccia.

So che durante l’Expo del 2015 iDROwash è stato selezionato e presentato dal Governo Italiano come una delle eccellenze italiane per la sostenibilità ambientale in edilizia. Vi aspettavate un simile risultato?

Assolutamente no! Un importante riconoscimento ma anche una grande responsabilità nel rappresentare il nostro Paese. Siamo stati selezionati tra oltre 400 aziende, e presentati al mondo come una delle eccellenze italiane per la sostenibilità nel settore dell’edilizia. Ne sono seguiti alcuni incontri con la segreteria tecnica del Ministero dell’Ambiente e numerosi contatti sia con paesi esteri interessati sia con aziende del nostro settore.

Alessandro Florio
Alessandro Florio durante la presentazione di iDROwash ad EXPO 2015

Alessandro e Marco cerchiamo di dare un messaggio a tutti quei giovani che vorrebbero realizzare la propria idea ma che per mancanza di fondi o altre problematiche hanno ancora il proprio sogno chiuso in un cassetto.

Se avete un progetto imprenditoriale che volete realizzare ci sono due domande che vi consigliamo di porvi. Voglio davvero fare l’imprenditore o sto solo cercando un lavoro? e, la mia idea ha un mercato? Buona fortuna.

Articolo precedenteSala: a Milano è iniziato l’esilio della Sinistra italiana
Prossimo articoloLuci viola per raccontare l’epilessia
Antonio Piazzolla
Nato a Foggia il 10/02/1992, frequenta il corso di laurea in Scienze Geologiche presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Da sempre appassionato di scienza e astronomia, si dedica al giornalismo scientifico intervistando alcuni personaggi del mondo della scienza come Alan Stern, Amalia Ercoli-Finzi, Umberto Guidoni e Maurizio Cheli. Scrive per Close-Up Engineering, Le Stelle e HuffPost Italia. Alcuni dei suoi articoli sono stati pubblicati su Coelum Astronomia e BBC Scienze. Di recente ha collaborato con il settimanale l'Espresso.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here