L’anno corrente, il 2011, ha segnato un incremento del 6,1% rispetto al 2009. Gli italiani che abitudinariamente utilizzano Internet, durante il corso delle proprie giornate, sono il 53,1% della popolazione complessiva del Bel Paese. In questa speciale graduatoria, la categoria che segna maggiormente il passo è quella riguardante i giovani compresi in una fascia d’età che va dai 14 ai 29 anni.

Stando alla relazione, i succitati rappresentano l’87,4% degli utenti. Anche gli anziani, compresi tra i 65 e gli 80 anni, non sfigurano e, sorprendentemente, si attestano attorno al 15,1%.

L’incremento dei fruitori del web, secondo il 9° rapporto Censis/Ucsi, ha comportato un deciso cambiamento delle abitudini degli italiani. I giovani, non particolarmente affini alla visione dei Tg o alla consultazione dei quotidiani cartacei, pare abbiano riscontrato in Internet un ‘fido’ alleato per informarsi: stando al rapporto, il 61,5% dei ragazzi apprende news tramite Facebook e, al contempo, il 65,7% utilizza i motori di ricerca per documentarsi su ciò che accade nel mondo.

Nella relazione c’è spazio anche per altre valutazioni di carattere socio-culturale. Secondo il rapporto, infatti, l’utenza complessiva della televisione si attesta, stabilmente, al 97,4%. In ambito tv, però, la novità è segnata dall’avvento del digitale terrestre: l’incremento degli utilizzatori della tv digitale, infatti, ha coinvolto il 76,4% della popolazione italiana che, ormai, sta progressivamente abbandonando la tv analogica.

E i cellulari? L’uso del telefono cellulare, stando a quanto emerso dal rapporto, fa registrare una considerevole flessione (-5,5% tra il 2009 e il 2011), diminuzione che ha favorito lo spopolamento degli smartphone. Tra i giovani, infatti, si è registrato un incremento del 39,5% nell’uso dei dispositivi portatili.

Pare proprio che per l’Italia questa sorta di processo di ‘ammodernamento’ proceda spedito. Appuntamento alla prossima relazione Censis/Ucsi per valutare se gli italiani possano essere, nuovamente, considerati i pionieri dell’innovazione in Europa.

Nicola Oscar Ottati

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here